Cosa c'è nella manovra che sarà votata domani

Dall'Iva alle buche di Roma, dalle concessioni balneari alle pensioni d'oro, le misure cardine del documento in quella che dovrebbe essere la sua versione definitiva 

Cosa c'è nella manovra che sarà votata domani
Francesco Fotia / AGF 
Giovanni Tria in Senato

Il Senato voterà domani la manovra modificata dopo il negoziato con la Commissione europea, dopo lo slittamento del maxiemendamento. La Camera la discuterà giovedì 27 dicembre, con prosecuzione prevista venerdì 28. Il lavoro della commissione Bilancio si svolgerà invece sabato 22 e domenica 23. 

Pil

Il Pil dell'Italia crescerà nel 2019 dell'1%, nel 2020 dell'1,1% e del 2021 dell'1%. Il rapporto debito/Pil programmatico si attesterà al 130,7% nel 2019 per scendere al 129,2% nel 2020 e al 128,2% nel 2021. 

Aumento dell'Iva

Aumenti dell'Iva per 23 miliardi nel 2020 e circa 29 miliardi sia nel 2021 che nel 2022. Il pacchetto di modifiche alla manovra presentato dal governo riscrive la clausola: gli aumenti delle aliquote saranno sterilizzati totalmente nel 2019 ma l'aliquota ridotta del 10% aumenterà dal 2020 di 1,5 punti percentuali e l'aliquota ordinaria al 22% salirà di 1,1 punti percentuali nel 2020 e di 2 punti percentuali dal 2021, oltre agli incrementi già disposti nel testo del ddl Bilancio. Di fatto, quindi:ç

  • l'aliquota ridotta passerà dal 10 al 13%,
  • l'aliquota ordinaria salirà al 25,2% nel 2020 e al 26,5% nel 2021

 Per effetto della nuova clausola, che prevede anche aumenti delle accise da 400 milioni l'anno dal 2020, il nuovo obiettivo di gettito sarà pari a 23,07 miliardi nel 2020 e 28,8 miliardi nel 2021 e 2022. 

Ires

Si restringe la platea della mini-Ires, ossia dello sconto di 9 punti percentuali dell’aliquota dell'imposta sul reddito delle società che reinvestono gli utili in beni strumentali e nuove assunzioni. Non potranno beneficiare dell'aliquota del 15% le imprese non commerciali per le quali il prelievo Ires resterà bloccato all'aliquota attuale del 24 per cento.

Ferrovie

Gli investimenti delle Ferrovie dello Stato saranno di 600 milioni nel 2019 per realizzare progetti previsti.

Spiagge

Proroga delle concessioni balneari di 15 anni (20 anni nel caso in cui a gestire la struttura sia il titolare stesso della concessione e 25 se l'unico reddito di cui dispone è questo). Sospeso per cinque anni il pagamento dei canoni demaniali nelle aree colpite dalle violente tempeste dell'autunno 2018.

Pensioni d'oro

Il taglio sulle pensioni d'oro (che sarà valido dal 2019 per 5 anni) sarà del 15% per i redditi compresi tra 100 mila e 130 mila euro lordi e arriverà al 40% per quelle superiori ai 500 mila euro. Cinque in tutto le aliquote previste. Previsto un taglio del 25% per gli assegni compresi tra 130.001 e 200 mila euro, del 30% per quelli compresi tra 200.001 e 350 mila euro e del 35% tra i 350.001 e i 500 mila euro.

Il taglio garantià 239 milioni nel triennio 2019-2021. Le risorse che arriveranno dal contributo sulle pensioni più elevate saranno pari a 76 milioni nel 2019, 80 milioni nel 2020 e 83 milioni nel 2021. 

La web tax

Si applica ai soggetti che prestano servizi digitali e che hanno un ammontare complessivo di ricavi non inferiore a 750 milioni di euro e che hanno anche un ammontare di ricavi derivanti dalla prestazione di servizi digitali non inferiore a 5,5 milioni.
L'imposta prevede un'aliquota del 3% sui ricavi e viene versata entro il mese successivo a ciascun trimestre. Con la web tax l'Italia incasserà 150 milioni di euro nel 2019, 600 nel 2020 e altri 600 nel 2021. 

Dismissioni

Grazie alle dismissioni immobiliari nelle casse dello Stato entreranno 950 milioni di euro nel 2019 e altri 150 milioni nel 2020 e nel 2021.

Quota 100

Un taglio di 2,7 miliardi al fondo stanziato in manovra per quota 100 che scende così da 6,7 miliardi a 4 miliardi. E' quanto si legge nelle tabelle allegate alla lettera inviata dal governo alla Commissione europea con gli impatti delle modifiche alla manovra. La dote per la misura bandiera della Lega sale di 1,3 miliardi nel 2020 e di 1,7 miliardi nel 2021. 

Reddito di cittadinanza

 l fondo per il reddito di cittadinanza previsto in manovra sarà ridotto di 1,9 miliardi nel 2019. La dote per la misura bandiera dei Cinque Stelle scende di 945 milioni nel 2020 e di 683 milioni nel 2021.

Indicizzazione delle pensioni

Le pensioni saranno rivalutate al 100% fino a 1.522 euro (tre volte il trattamento minimo) mentre per gli assegni superiori scatterà una stretta sulla rivalutazione all'inflazione. Il raffreddamento dell'indicizzazione delle pensioni, ovvero la stretta alla rivalutazione degli assegni legata all'inflazione, porterà un gettito di 2,26 miliardi nel triennio 2019-2021. Nel 2019 i risparmi saranno pari a 253 milioni, che saliranno a 745 milioni nel 2020 e 1,228 miliardi nel 2021.

Tasse sui giochi

Il governo conta di incassare 450 milioni di euro nel 2019, altrettanti nel 2020 e pure nel 2021 dall'incremento della tassazione sui giochi. 

Dissesto idrogeologico

Per l'avvio e la realizzazione degli interventi contro il dissesto idrogeologico sono stanziati 800 milioni di euro per il 2019 e 900 per ciascuno degli anni 2020 e 2021. 

Buche a Roma

Per rimettere a posto le strade della Capitale sono stati stanziati 

  • 40 milioni per il 2019
  • 20 milioni per il 2020

E' data facoltà al Campidoglio di far ricorso all'aiuto del genio militare.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it