Mafia a Roma: Marino, "Ho disposto la rotazione dei dirigenti"

(AGI) - Roma, 6 dic. - "La straordinarieta' e la rilevanzadegli eventi connessi alle indagini della Procura dellaRepubblica di Roma, che interessano l'AmministrazioneCapitolina in queste ore, coinvolgono anche le struttureamministrative dell'Ente, e le funzioni nevralgiche da loroassicurate. Ho dato quindi specifiche disposizioni perprocedere tempestivamente a un adeguato riordino, a cominciaredagli incarichi apicali di tutte le strutture, proseguendo conl'applicazione del principio della rotazione gia' avviato damesi, nel rispetto della competenza curricolare". E' quantodichiara il sindaco di Roma Ignazio Marino e spiega: "Cio'avverra' a tutela dell'Amministrazione e del gruppo dirigente,ferma

Mafia a Roma: Marino, "Ho disposto la rotazione dei dirigenti"

(AGI) - Roma, 6 dic. - "La straordinarieta' e la rilevanzadegli eventi connessi alle indagini della Procura dellaRepubblica di Roma, che interessano l'AmministrazioneCapitolina in queste ore, coinvolgono anche le struttureamministrative dell'Ente, e le funzioni nevralgiche da loroassicurate.

Renzi: uno schifo, si facciano presto i processi

Ho dato quindi specifiche disposizioni perprocedere tempestivamente a un adeguato riordino, a cominciaredagli incarichi apicali di tutte le strutture, proseguendo conl'applicazione del principio della rotazione gia' avviato damesi, nel rispetto della competenza curricolare".

E' quantodichiara il sindaco di Roma Ignazio Marino e spiega: "Cio'avverra' a tutela dell'Amministrazione e del gruppo dirigente,ferma la necessaria continuita' amministrativa e ilperseguimento degli obiettivi stabiliti, nell'ambito dellacorrente programmazione strategica".

Sull'argomento e' sceso incampo anche Silvio Berlusconi. "Avete visto lo scempio di Roma- ha dichiarato il Cavaliere -. Non possiamo accettare cheRoma, la citta' piu' antica, la nostra capitale, possa essergestita ancora da chi e' compromesso da quello che e' successoo e' stato li' senza capire cose stesse succedendo. Dobbiamochiedere a tutti i partiti uno sforzo, di dimettersi e indirenuove elezioni per dare assoluta trasparenza. Questa e' lanostra posizione".

Per Daniela Santanche', di Forza Italia, "aRoma la stirpe del Marchese del Grillo non muore mai. Lapolitica dell''Io sono io e voi non siete nessuno' e' ancora laregola. Solo che i nuovi marchesi non dissipano ricchezzeprivate ma pubbliche. Questa politica va ghigliottinata e, adifferenza di secoli fa, non deve arrivare all'ultimo la graziapapalina". (AGI)