Libia: Renzi, il problema sono i barconi; Isis li' non e' potente

(AGI) - Roma, 22 feb. - Gli sbarchi di migranti connessi con lacrisi libica non saranno mezzo milione: "Non saranno quellecifre li'", ha detto Matteo Renzi a In Mezz'ora. Il premier hapero' aggiunto che "in questo momento la situazione delpetrolio e del gas non e' al centro della nostra attenzione. Ilpunto e' che quando un Paese del Mediterraneo non e' stabile,da li' partono i barconi". Renzi ha spiegato che l'azionediplomatica e' necessaria anche se molto complessa: "La Libiae' strategica perche' e' la porta d'accesso all'Europa.Dobbiamo cercare di fare parlare tra loro

(AGI) - Roma, 22 feb. - Gli sbarchi di migranti connessi con lacrisi libica non saranno mezzo milione: "Non saranno quellecifre li'", ha detto Matteo Renzi a In Mezz'ora. Il premier hapero' aggiunto che "in questo momento la situazione delpetrolio e del gas non e' al centro della nostra attenzione. Ilpunto e' che quando un Paese del Mediterraneo non e' stabile,da li' partono i barconi". Renzi ha spiegato che l'azionediplomatica e' necessaria anche se molto complessa: "La Libiae' strategica perche' e' la porta d'accesso all'Europa.Dobbiamo cercare di fare parlare tra loro le tribu'". Uncompito difficile, perche' "non siamo di fronte a partitipolitici", ha detto. Quindi una considerazione: "L'Isis inLibia non e' cosi' potente come vuol farci credere. Siamo ingrado di intervenire. C'e' bisogno di tranquillita'". Perquesto, ha aggiunto, non e' all'ordine del giorno l'idea dsostituire Bernardino Leon in Libia. "Non e' questo il punto:Bernardino Leon sta facendo tutto quello che gli e' possibile.Bastasse cambiare il rappresentante dell'Onu, sarei il primo achiederlo, a mettere la firma. Bernardino Leon sta facendo unlavoro difficile e delicato, ma se la comunita' internazionalefa un po' di pressione. Voglio coinvolgere altri Paesi", hadetto Matteo Renzi. "Quella che si sta giocando e' una grandebattaglia per il futuro mondiale. In questa battaglia, vorreiche Putin e la Russia giocassero nella mia squadra", haaggiunto ricordando che "fin dall'inizio ho detto che eranecessario riportare la Russia al tavolo internazionale. Perfare questo, pero', e' necessario che la Russia lascil'Ucraina". Per quanto riguarda la nomina di Romano Prodi arappresentante Onu di cui si e' parlato viene smentita daRenzi: "Ho chiesto a Ban Ki Moon che l'inviato Onu potesseessere un italiano. Mi ha risposto che la linea all'Onu e'quella di non mandare cittadini di Paesi ex colonizzatori inquelle che erano colonie - ha detto -. Romano Prodi ha avuto unruolo importante in Libia", ma il suo nome "e' stato scrittosolo sui giornali". .