Per Salvini col M5s "le seccature cominciano a essere troppe"

Il ministro dell'Interno a La Stampa: "Il problema è che cambiano idea troppo spesso"

intervista salvini m5s
Flavio Lo Scalzo
Matteo Salvini

"I Cinque Stelle si devono mettere d'accordo tra di loro. Il ministro dice una cosa e il suo vice sostiene l'opposto. Il percorso sulle Province, che ora non sono né carne né pesce, è stato deciso insieme. Il problema è che cambiano idea troppo spesso. Non solo in questo caso, ma anche sulla flat tax, sull'immigrazione o sulle autonomie. Non si può dire contemporaneamente sì, no e forse. Se poi Di Maio ha un modo per sistemare scuole e strade senza enti intermedi sono pronto ad ascoltarlo. Però mi secca lavorare settimane per scoprire che hanno una nuova opinione". Lo afferma il vicepremier Matteo Salvini, in un'intervista a La Stampa.

"Le seccature cominciano a essere troppe", si sfoga il ministro dell'Interno, che assicura di non voler tornare al voto: "Ho giurato il primo giugno. Ho fatto delle promesse agli italiani e intendo mantenerle. Certo, per andare avanti bisogna essere d'accordo in due". Quanto a presunte ambizioni da premier, "quello che faccio mi piace moltissimo. Non capisco perché Conte alluda a qualcosa di diverso". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.