Immigrati: Renzi a Regioni, risposta Paese sia condivisa

(AGI) - Roma, 25 giu. - Per risolvere il problema immigrazione"ci sono due modi di procedere: uno e' quello di rinfacciarsiil passato, ma non porta a niente. L'altro e' quello di provareinsieme a risolvere un problema". Lo ha detto, secondo quantosi apprende, il presidente del consiglio, Matteo Renzi, aipresidenti di Regione e ai sindaci, convocati questa mattina aPalazzo Chigi. "Piu' il Paese si mostra compatto - ha aggiunto- meglio e'". L'Italia, ha insistito, "e' un Paese serio,solido, la cui risposta sul tema dell'immigrazione deve esserecondivisa e congiunta". ZAIA: PREFETTI SI RIBELLINO

(AGI) - Roma, 25 giu. - Per risolvere il problema immigrazione"ci sono due modi di procedere: uno e' quello di rinfacciarsiil passato, ma non porta a niente. L'altro e' quello di provareinsieme a risolvere un problema". Lo ha detto, secondo quantosi apprende, il presidente del consiglio, Matteo Renzi, aipresidenti di Regione e ai sindaci, convocati questa mattina aPalazzo Chigi. "Piu' il Paese si mostra compatto - ha aggiunto- meglio e'". L'Italia, ha insistito, "e' un Paese serio,solido, la cui risposta sul tema dell'immigrazione deve esserecondivisa e congiunta". ZAIA: PREFETTI SI RIBELLINO AL VIMINALE; PISAPIA, BASTRADEMAGOGIARoberto Maroni, entrando a palazzo Chigi per il verticesull'immigrazione, ha risposto a chi gli chiedeva sel'atteggiamento delle regioni contrarie ad accogliere nuoviprofughi non indebolisca l'azione del governo al Consiglioeuropeo: "Le Regioni non sono presenti al Consiglio europeo. SeRenzi ci fa andare li' potremmo fare la nostra battaglia. Ma e'lui il responsabile e non puo' scaricare sempre sugli altri lecolpe". Lo ha detto il presidente della Regione Lombardia, "E'lui il capo del governo italiano, deve andare in Europa eimporre una linea che finora non e' riuscito a far condividerea nessuno, quella della equa distribuzione tra i stati membri".Per Maroni l'Italia e' "presa in giro e sbeffeggiata" inEuropa."Se questi sono i risultati....". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it