Governo: Marchionne, editoriale De Bortoli? "Non lo leggo"

(AGI) - New York - "No, non lo leggo normalmente": conqueste parole l'ad di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne, harisposto alle domande  [...]

Governo: Marchionne, editoriale De Bortoli? "Non lo leggo"
(AGI) - New York, 24 set. - "No, non lo leggo normalmente": conqueste parole l'ad di Fiat Chrysler, Sergio Marchionne, harisposto alle domande dei cronisti che gli chiedevano se avesseletto l'editoriale di Ferruccio de Bortoli sul Corriere dellaSera critico verso il premier Matteo Renzi. "Spero per il bene dell'Italia che lo si lasci lavorare",dice Marchionne esprimendo tutto il suo apprezzamento perMatteo Renzi, dopo averne ascoltato l'intervento davanti alCouncil on Foreign Relations a New York. Marchionne ha definitoil premier un uomo "dal coraggio enorme" che "guarda alfuturo", quello che ci vuole per riformare l'Italia dove"bisogna spaccare tutti gli schemi". Marchionne ha definito "eccezionale" il discorsopronunciato da Renzi, affermando che "oggi e' stata una bellagiornata per essere italiani". Poi, attorniato dai giornalistiall'uscita dal think tank newyorkese, ha espresso la sua"grandissima convinzione" che Renzi "ce la fara' perche' stauscendo a grandi passi dal sistema che deve tecnicamenteresistere al cambiamento". In particolare, Marchionne ha definito "importantissimo"l'impegno del presidente del Consiglio sulla riforma del lavoroe per la modifica di un articolo 18 che "sta creando disagisociali e disuguaglianze, questa non e' giustizia", hasottolineato l'ad di Fiat Chrysler. "Credo che il Paese siapronto per accettare la sfida", ha aggiunto, "sappiamobenissimo che l'approccio di cui sta parlando Renzi e' l'unicasoluzione che abbiamo. Lo possono accusare di essere inespertoe giovane, ma la verita' e' che ha un coraggio enorme e quindibisogna appoggiarlo e dargli tutto lo spazio possibile", haproseguito l'ad di Fiat Chrysler. "Spero per il benedell'Italia che lo si lasci in pace e lo si lasci lavorare". Quanto alla visita che Renzi fara' venerdi' alla sede diFiat Chrysler a Detroit, Marchionne si e' limitato a unabattuta: "Cerchero' di vendergli una macchina, quella che vuolelui...". (AGI).