Chi è Maria Elisabetta Alberti Casellati, prima donna presidente del Senato

Laureata in diritto canonico, avvocato, alla sua sesta legislatura, sempre al fianco di Silvio Berlusconi. Più volte sottosegretario, è stata membro del Consiglio superiore della magistratura

Chi è Maria Elisabetta Alberti Casellati, prima donna presidente del Senato
 Foto: Andreas SOLARO / AFP 
 Maria Elisabetta Alberti Casellati 

Nata a Rovigo 71 anni fa, una laurea in diritto canonico alla Pontificia Università lateranense, Maria Elisabetta Alberti Casellati, questo il nome completo, è nata a Rovigo è alla sua sesta legislatura, sempre al fianco di Silvio Berlusconi nelle file prima del Popolo della Libertà e poi di Forza Italia. La presidentessa del Senato,  prima donna nella storia della Repubblica a ricoprire la seconda carica dello Stato, è stata ricercatrice universitaria di Diritto canonico ed ecclesiastico all'Università di Padova ed è iscritta all'Ordine degli avvocati di Padova. È un affermato avvocato matrimonialista.

Sempre al fianco di Silvio Berlusconi

Nel partito azzurro di Berlusconi sin dal primo giorno, Casellati è stata componente del Collegio nazionale dei probiviri, dirigente nazionale del Dipartimento sanità di Forza Italia e vice dirigente nazionale dei dipartimenti di Forza Italia. Nel 1994 è segretaria di Forza Italia al Senato. Dal 2001 al 2002 è vice capogruppo sempre e dal 2002 al 2005 vice capogruppo vicario. Tra il 2006 e il 2008 è nuovamente vice presidente del gruppo al Senato. È considerata molto vicina, dentro al partito, a Renato Schifani, già presidente del Senato.

Eletta per la prima volta senatrice nel 1994, è rieletta nel 2001, 2006, 2008, 2013 e 2018. Ha svolto numerosi incarichi politici: sottosegretario alla Salute nel 2004 e nel 2005, poi sottosegretario alla giustizia dal 12 maggio 2008 al 16 novembre 2011. Nel 2013 è eletta nel Consiglio di presidenza del Senato come segretario d'aula.

Chi è Maria Elisabetta Alberti Casellati, prima donna presidente del Senato
Foto: Massimo Pinca/Sync / AGF 
 Maria Elisabetta Alberti Casellati 

Dal 14 gennaio 2014 è capogruppo di Forza Italia nella giunta delle Elezioni e del regolamento e della I commissione Affari costituzionali del Senato. Il 15 settembre 2014 è stata eletta dal Parlamento in seduta comune (489 voti) membro del Csm in quota Forza Italia con una maggioranza pari a 3/5 dei votanti. 

Le su idee sulla famiglia

Si è detta recentemente favorevole a che i carcerati possano incontrare periodicamente mogli o compagne, anche per evitare – aveva spiegato - che ci siano contatti innaturali tra loro dietro le sbarre. Lo racconta il quotidiano Avvenire: "Più recentemente si è esposta condividendo anche parte del programma della Lega sulla sicurezza. 'Vogliamo che siano perseguiti realmente i reati che provocano allarme sociale e che le pene siano certe e scontate fino in fondo: nessuno pensi che il nostro sia il Paese dell’impunità. E poi voglio dire una cosa con forza: la legittima difesa è sempre legittima. Chi viola una proprietà privata deve sapere che rischia una reazione. La legge attuale è insufficiente, va cambiata. Sarà il primo disegno di legge che presenterò'".

Il quotidiano della Cei ricorda le battaglie a sostegno della famiglia e contro le unioni tra presone dello stesso sesso. "Il legislatore sostiene che l'unione fra persone dello stesso sesso va inserita fra le formazioni sociali, con riferimento agli articoli 2 e 3 della Costituzione. Perfetto, ma poi – aveva obiettato - vediamo che tutti i rimandi, martellanti, sono all'articolo 29 e alla disciplina della famiglia. Si è fatto un giro tortuoso per giungere, senza dirlo, al matrimonio, ma questo pone seri profili di costituzionalità perché va contro l'articolo 29 della nostra Carta".

Il primo marzo scorso in una intervista al sito 'In Terris' aveva parlato dei temi della sicurezza e della giustizia. Qui l'intervista integrale. Queste alcune delle sue affermazioni.

"Vogliamo una giustizia efficiente e certa, che significa tempi brevi nei processi. Le disfunzioni attuali del processo civile allontanano gli investitori e costano ai cittadini 16 miliardi di euro all’anno. Un danno pesante per l’economia e per le famiglie, che andremo ad eliminare. Vogliamo che siano perseguiti realmente i reati che provocano allarme sociale e vogliamo che le pene siano certe e scontate fino in fondo, perché nessuno possa pensare che il nostro sia il Paese dell’impunità, dove chi delinque comunque se la possa cavare".

"Bisogna intendersi su quali siano i reati meno offensivi. Spesso sento parlare di microcriminalità per reati che 'micro' non sono. Se una pensionata viene derubata della sua pensione sociale, perde la sua sopravvivenza".

"La difesa, lo voglio dire con forza, è sempre legittima. Chi viola una proprietà privata deve sapere che rischia una reazione sempre legittima. La legge attuale è insufficiente, va cambiata. Questo sarà il primo disegno di legge che presenterò, ove eletta, in Senato, perché è inaccettabile che la nostra sia una giustizia capovolta, nella quale chi è aggredito, chi è vittima e si difende in casa, chi lavora per proteggerci, debba poi difendersi anche in Tribunale. Avere giustizia significa attuare il primo dei diritti perché se la libertà è il maggior bene individuale, la giustizia è il maggiore bene sociale".

"Dobbiamo liberarci non solo dall’oppressione giudiziaria, ma anche da quella fiscale e burocratica. Dobbiamo riorganizzare la macchina dello Stato secondo il principio della pari dignità fra la Pubblica Amministrazione e il cittadino, tagliando tutti gli adempimenti inutili, inserendo l’autocertificazione preventiva delle iniziative in ambito privato, evitando le lungaggini che disincentivano gli investimenti e tagliando le lunghe catene burocratiche, troppo spesso fonte di clientela e di corruttela".

"Il reddito di dignità è la nostra risposta. Lo Stato pagherà una somma mensile per permettere ai meno abbienti di vivere dignitosamente. Inoltre, ci occuperemo della loro formazione con corsi specifici per inserirli nel mondo delle imprese. Aiuteremo anche i pensionati, abbandonati da questo governo, innalzando tutte le pensioni minime a 1000 euro". 


Dal 2008 al 2011 è approdata al ministero della Giustizia come vice di Angelino Alfano occupandosi di giustizia civile, edilizia penitenziaria e giustizia minorile. Lo ricorda Il Corriere della Sera. Un volto “amico” al Senato. Oltre ai buoni rapporti con i colleghi parlamentari, la neo presidente del Senato conta da anni su una rete di rapporti di cordialità con la struttura di Palazzo Madama. La sua segretaria è sempre la stessa e l’ha seguita anche nella parentesi al Csm. Fino a ieri ha mangiato insieme ai suoi collaboratori nel tavolo comune del ristorante del Senato. Dice di lei un suo affezionato collaboratore: "È inflessibile con se stessa e pretende il massimo dagli altri». La senatrice è sposata e ha due figli: uno fa il direttore d’orchestra e l’altra l’avvocato".

Molto attiva su Facebook, ha invece praticamente abbandonato Twitter nel 2014. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it