Ecco la nuova bozza di legge elettorale, è il 'Mattarellum corretto' 

Renzi ottimista: "Ce la possiamo fare per giugno". Di Maio: "Il Pd propone il 'Verdinellum' contro M5S" 

Ecco la nuova bozza di legge elettorale, è il 'Mattarellum corretto' 

Il Partito Democratico, dopo l'affossamento del testo base presentato dal presidente della Commissione Affari Costituzionali, Andrea Mazziotti, ha vinto il secondo round della sfida per la legge elettorale: il deputato Emanuele Fiano, infatti, è subentrato allo stesso Mazziotti quale relatore della legge. E lo ha fatto contemporaneamente alla presentazione del nuovo testo, proposto dai dem.

Il nuovo testo: Mattarellum corretto

Si tratta di una Mattarellum corretto, che prevede il 50% dei collegi uninominali e il 50% di proporzionale e una soglia di sbarramento al 5%. "Si vota con la scheda unica nella quale i candidati dei collegi sono associati alle liste di riferimento. Indicando o il nome del candidato al collegio o segnando con una X il simbolo del partito si dà il voto all'uno e all'altro, non essendo previsto il voto disgiunto", spiega Emanuele Fiano. "Un meccanismo proporzionale, quindi 303 collegi della Camera ai quali si aggiungono 12 collegi esteri, 11 del Trentino Alto Adige e 1 della Valle d'Aosta. Per il senato sono previsti 150 collegi, gli stessi dell'Italicum. Il numero dei candidati nelle liste proporzionali varia da due a quattro. Ci si può candidare massimo in tre collegi plurinominali e in un solo collegio uninominale. Il 5% è la soglia di ingresso e non è previsto voto disgiunto".

Rosato: da questa proposta partono le alleanze

Oggi l'ufficio di presidenza della commissione Affari Costituzionali deciderà il calendario dei lavori. Sulla proposta si esprime il capogruppo Pd alla Camera, Ettore Rosato, sottolineando che ogni futura alleanza elettorale potrebbe partire da questa proposta che "disegna una coalizione di centrosinistra 'soft', con Mdp e anche Alfano". Rosato spiega che la sua non è una decisione già presa: "dico solo che se bisogna costruire alleanze, dobbiamo partire dall'alleanza di governo. Mi sembra logico". Da questo punto di vista "i collegi consentono di farlo. Tenendo in considerazione anche Mdp, che sostengono il governo, anche se spesso non ce ne accorgiamo...E anche Alfano, perchè no". Parole che tradiscono l'estrema fiducia nutrita dai dem di trovare i numeri sia alla Camera che al Senato.

Renzi ottimista: nuova legge in tempi brevi

Tanto che il segretario del partito, Matteo Renzi, è intervenuto sull'argomento per dire che si può arrivare alla nuova legge in tempi brevi, già all'inizio di giugno. "Dopo mesi di rinvii, la Camera ha deciso di andare in aula il 29 maggio. Questo permetterà, per regolamento, di avere tempi contingentati e di approvare la nuova legge nei primi giorni di giugno". Alla Camera non ci sono problemi di numeri, ma al Senato la questione si fa più delicata e c'è infatti chi, sia nella maggioranza sia tra le forze di opposizione, insiste col sostenere che in realtà l'obiettivo di Renzi sia quello di andare a cercare l'incidente a palazzo Madama per poi tornare presto a elezioni con i due sistemi elettorali ora vigenti, che sono diversi per i due rami del Parlamento e che al Senato prevedono uno sbarramento dell'8%, un colpo di falce per i piccoli partiti.

Verso la nascita di un nuovo gruppo in Senato 

Altra tesi che circola alla Camera, però, parla di un gruppo che sarebbe pronto a costituirsi a Palazzo Madama, proprio in funzione di 'sostegno' alla legge elettorale del Pd. "Ci sono voci consistenti sulla formazione di un nuovo gruppo al Senato che nascerebbe in previsione di sostenere la legge elettorale", dice il deputato fittiano, Rocco Palese. Un riferimento ai rumors che parlano di un lavoro in corso da parte di senatori di centro destra - una quindicina - tra cui Quagliariello e Bonfrisco. Il primo, però, prende le distanze dalle dichiarazioni di Palese e precisa di non parlare da mesi con Rocco Palese, me che se ne avesse l'opportunità gli direbbe "che con iniziative in tema di legge elettorale di Renzi, Verdini o Rosato non ho nulla da spartire. Tantomeno costituirei mai un gruppo parlamentare al fine di fare accordi con loro".

M5S: la nuova legge? Il 'Verdinellum'

Al di là dei numeri sono le posizioni politiche, al momento, ad allontanare lo scenario di una 'centro sinistra soft'. Da Articolo 1 - Movimento democratico e progressista, arriva lo stop di Davide Zoggia a Rosato. Una alleanza con Pd e Alfano? "Abbiamo un'idea diversa di Paese". E, stando a quanto si apprende, perplessità serpeggerebbero anche dentro la stessa compagine alfaniana. Per il Movimento 5 Stelle, la proposta del Pd non è altro che un "Verdinellum", una legge che ricalca quella presentata in passato dal senatore Verdini. "è chiaro che si stia provando a fare una legge contro il M5S insieme a Verdini e a qualche pezzo del Gruppo misto e con una Lega Nord, che prima urlava all'inciucio e ora si butta nella mischia", sottolinea Di Maio dicendosi sicuro che la legge elettorale targata Pd non vedrà mai la luce: "Torneranno da noi a chiederci di trovare una quadra alla luce del sole su una legge elettorale", aggiunge Di Maio.