"Senza M5s non c'è il governo". Di Maio replica a Conte

Il ministro degli Esteri si augura un "chiarimento" e dice no agli ultimatum

di maio conte manovra
ANDREA RONCHINI / NURPHOTO
Luigi Di Maio

 "Se va casa il Movimento è chiaro che è difficile che possa esistere ancora una coalizione di governo, anzi, quasi impossibile, mi auguro che nei prossimi giorni queste dichiarazioni possano essere chiarite". Così Luigi Di Maio, intervistato da 'Rainews' a Matera, replica alle parole del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il quale ha avvertito che "bisogna fare squadra e chi non la pensa così è fuori dal governo". Un messaggio che ha due evidenti destinatari: il capo politico del MoVimento e Matteo Renzi, che dalla Leopolda ha attaccato un Pd definito "partito delle tasse" ed è tornato all'attacco su Quota 100 e sugar tax.

"Sono soddisfatto che sia stato convocato il vertice di maggioranza domani e potremo discutere di questo ma devo dire anche che i toni di queste ore mi meravigliano, mi sorprendono e ci addolorano come Movimento 5 stelle, ma non è il tema del Movimento, toni del tipo 'O si fa così o si va a casa' fanno del male anche al Paese ed al governo perché in politica si ascolta e si prendono in considerazione le proposte della prima forza politica che regge questo governo che è il Movimento", ha aggiunto Di Maio.

"Secondo me non c'e' nessun ultimatum, contro-ultimatum, credo soltanto che bisogna fare in modo che in questo governo ci sia meno nervosismo meno prese di posizione dure e mettere al centro le persone e non le proprie opinioni", ha detto ancora il ministro degli Esteri. 

"Mi auguro che nei prossimi giorni queste questioni possano essere chiarite e queste dichiarazioni possano essere chiarite, lasciatemi dire che per noi adesso l'obiettivo è aiutare gli imprenditori, le partite Iva e i commercianti e fare una vera lotta agli evasori, piccoli e grandi, solo che in Italia per anni si sono utilizzati strumenti per perseguire i piccoli che non hanno raggiunto gli obiettivi e si sono totalmente ignorati gli strumenti per i grandi che sono ad esempio il carcere ai grandi evasori e la confisca", ha concluso Di Maio.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it