2 giugno: Pisapia, per la prima volta votarono le donne

Milano - "La Festa della Repubblica e' un giorno estremamente importante, perche' ci parla di liberta', di democrazia, di desiderio di rinascita e di voglia di costruire insieme una societa' piu' giusta, piu' aperta, una societa' plurale". Il sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, nel commemorare l'anniversario della Repubblica, ricorda che "e' particolarmente significativo perche' quello stesso anno, per la prima volta, votarono anche le donne. Il 1946 segna l'inizio del cammino per arrivare alla parita' di genere, un tema che mi e' particolarmente caro, sul quale in questi ultimi anni abbiamo fatto grandi passi avanti, ma che ancora oggi purtroppo in Italia non e' un obiettivo del tutto raggiunto. Per questo, la Festa della Repubblica di quest'anno deve essere prima di tutto un momento per ricordare e ringraziare tutte le donne che con il loro lavoro, il loro impegno, la loro passione e, spesso, a scapito della propria vita ci hanno permesso, il 2 giugno di settant'anni fa, di poter scegliere il futuro del nostro Paese".Pisapia, infine, ricorda che per lui questo anniversario ha un valore particolare, "cinque anni fa il giorno della Festa della Repubblica coincise con la mia prima 'uscita' da sindaco. Portero' sempre con me il ricordo dell'accoglienza straordinaria dei milanesi in piazza Duomo e di quel percorso fatto tutti insieme fino a Palazzo Marino dove, nell'ufficio, trovai ad aspettarmi dei bellissimi fiori arancioni. Anche oggi le manifestazioni d'affetto in piazza Duomo sono state commoventi". (AGI)