Ue: Paolo De Castro nuovo presidente S&d Comagri Pe

(AGI) - Roma, 7 lug. - Paolo De Castro, europarlamentare delPartito Democratico, e' stato eletto all'unanimita' presidenteper il Gruppo dei Socialisti e Democratici della CommissioneAgricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo. "E' ungrande onore per me - ha dichiarato De Castro - coordinare icolleghi deputati all'interno della Commissione di cui sonostato presidente negli ultimi cinque anni e che adesso potra'contare su tre vice presidenti S&D provenienti da Francia,Spagna e Romania. Sono numerose le sfide che in questa nuovalegislatura vedranno l'agricoltura europea sempre piu'protagonista - ha proseguito De Castro -. Dopo

(AGI) - Roma, 7 lug. - Paolo De Castro, europarlamentare delPartito Democratico, e' stato eletto all'unanimita' presidenteper il Gruppo dei Socialisti e Democratici della CommissioneAgricoltura e sviluppo rurale del Parlamento europeo. "E' ungrande onore per me - ha dichiarato De Castro - coordinare icolleghi deputati all'interno della Commissione di cui sonostato presidente negli ultimi cinque anni e che adesso potra'contare su tre vice presidenti S&D provenienti da Francia,Spagna e Romania. Sono numerose le sfide che in questa nuovalegislatura vedranno l'agricoltura europea sempre piu'protagonista - ha proseguito De Castro -. Dopo aver valutato eripreso i "dossier pendenti" della scorsa legislatura,s'iniziera' a fare sul serio con l'importante regolamento cheriformera' il funzionamento dell'agricoltura edell'etichettatura dei prodotti biologici. Ma sara' solol'inizio perche' nei prossimi mesi sono attesi altri dossiercome quello della riforma del sistema ortofrutticolo europeo,senza dimenticare la riflessione in corso sulla gestione delsettore lattiero che, a partire dal prossimo mese di marzo, nonavra' piu' quote produttive. Ma la fase piu' importante sara'senza dubbio la revisione di medio termine della Pac 2020. Unpercorso che partira' da una valutazione d'impatto cuiseguiranno linee guida e proposte legislative per proseguire illavoro di correzione della riforma approvata lo scorso anno eper attualizzarla rispetto a uno scenario globale in continuaevoluzione. Non possiamo poi non citare il negoziatocommerciale tra Europa e Stati Uniti (Ttip) al cui interno leimplicazioni per il settore agroalimentare, tra cuil'abolizione delle barriere non tariffarie di alcuni prodottiagricoli e di specie di allevamento e la tutela delleproduzioni di qualita' certificata, assumeranno un ruolodecisivo. Iniziamo dunque con rinnovato impegno il lavoro nellanuova Comagri per un'agricoltura che sia capace di leggere etradurre le esigenze di un contesto diverso e articolato,avendo sempre come priorita' la tutela dei consumatori e ilsostegno agli agricoltori d'Europa. Un lavoro - ha concluso DeCastro - che sara' proficuo anche in considerazione dipossibili sinergie con la Commissione per l'Ambiente e latutela dei consumatori in cui saro' membro sostituto e chesara' presieduta dal collega Giovanni La Via".(AGI)