Nel Medioevo camminavamo in modo assai diverso, un po' strambo, ma più salutare

Camminavamo sulle punte, e forse è stato sempre così prima dell'invenzione della suola e dei tacchi. Poi ci siamo impigriti

Nel Medioevo camminavamo in modo assai diverso, un po' strambo, ma più salutare

Prima che le scarpe fatte con suola e tacco diventassero comuni nel sedicesimo secolo, le persone camminavano in modo molto diverso. E piuttosto bizzarro. Lo dimostrano alcune ricerche raccontate in un video che dimostra come camminavano i nostri avi: non sui tacchi, come ci siamo abituati da quando abbiamo "tacchi con le suole", ma poggiando il piede prima sulle punte, come verrebbe più naturale con delle scarpe che di fatto sono un guanto di pelle al piede. Il passaggio alla camminata sui tacchi sarebbe avvenuta per questione di pigrizia, e di comodità. Eppure, raccontano nel video, camminare sulle punte sarebbe molto più naturale, ma anche molto più salutare per la postura e la spina dorsale. Unico pregio forse a discapito di un’andatura che oggi sembra un po’ ridicola.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it