Maltempo: Coldiretti, in ginocchio migliaia di aziende agricole

(AGI) - Roma, 20 ott. - Sono diverse migliaia le aziendeagricole danneggiate dal maltempo che hanno colpito citta' ecampagne, travolgendo vigneti Doc e ortaggi ma anche strutturedi trasformazione destinate al deposito di sementi e allaproduzione alimentare. E' l'allarme lanciato dalla Coldirettiin Campania nel sottolineare che al danno gia' arrecato dallafuria dell'acqua si aggiunge il rischio far saltare le seminesu migliaia di ettari pregiudicando anche le produzioni delprossimo anno, soprattutto nella provincia di Benevento. Iterreni sono in condizioni tali da impedire la preparazione deinuovi raccolti e in altri casi le piantagioni

(AGI) - Roma, 20 ott. - Sono diverse migliaia le aziendeagricole danneggiate dal maltempo che hanno colpito citta' ecampagne, travolgendo vigneti Doc e ortaggi ma anche strutturedi trasformazione destinate al deposito di sementi e allaproduzione alimentare. E' l'allarme lanciato dalla Coldirettiin Campania nel sottolineare che al danno gia' arrecato dallafuria dell'acqua si aggiunge il rischio far saltare le seminesu migliaia di ettari pregiudicando anche le produzioni delprossimo anno, soprattutto nella provincia di Benevento. Iterreni sono in condizioni tali da impedire la preparazione deinuovi raccolti e in altri casi le piantagioni sono statespazzate via, come i vigneti. E' necessario rimettere in piedile imprese colpite con interventi immediati di sostegno edoccorre un intervento straordinario in una condizionestraordinaria. Gli agricoltori, nonostante la tragedia che sista vivendo, sono impegnati - riferisce la Coldiretti - in unagrande azione di solidarieta' e stanno offrendo un aiutoconcreto alla rimozione di fango e detriti lungo le strade. C'e' pero' molta preoccupazione per l'incertezza che sipercepisce nell'affrontare i gravi danni dovuti alleesondazioni dei fiumi e al dissesto idrogeologico. LaColdiretti e' pronta a fare la sua parte, indicando stradeutili per fronteggiare il fenomeno, ma ad oggi ancora non si e'ancora insediato un tavolo per affrontare l'emergenza.(AGI)