Latte: Cia, su sforamento quote 2014 serve soluzione europea

(AGI) - Roma, 15 dic. - Trovare una soluzione europea condivisaper ridurre gli effetti dello sforamento delle quote latte peril 2014. Lo ha chiesto la Cia-Confederazione italianaagricoltori in concomitanza con l'ultima seduta a Bruxelles delConsiglio dei Ministri dell'Agricoltura Ue sotto la Presidenzaitaliana. Mentre si avvicina la fine del regime delle quote,previsto a meta' del 2015, diversi Paesi europei hanno gia'"splafonato" i rispettivi limiti nazionali. Tra questi c'e'anche l'Italia, anche se in una percentuale molto bassa. "Eccoperche' - ha chiarito la Cia - i ministri dell'Agricolturaeuropei devono sollecitare l'iniziativa della Commissione

(AGI) - Roma, 15 dic. - Trovare una soluzione europea condivisaper ridurre gli effetti dello sforamento delle quote latte peril 2014. Lo ha chiesto la Cia-Confederazione italianaagricoltori in concomitanza con l'ultima seduta a Bruxelles delConsiglio dei Ministri dell'Agricoltura Ue sotto la Presidenzaitaliana. Mentre si avvicina la fine del regime delle quote,previsto a meta' del 2015, diversi Paesi europei hanno gia'"splafonato" i rispettivi limiti nazionali. Tra questi c'e'anche l'Italia, anche se in una percentuale molto bassa. "Eccoperche' - ha chiarito la Cia - i ministri dell'Agricolturaeuropei devono sollecitare l'iniziativa della Commissione perindividuare soluzioni tecniche (come per esempio il ricalcolodel tenore di grasso) che evitino il paradosso per cui, a pochimesi dalla liberalizzazione della produzione, gli agricoltoripotrebbero essere costretti ad acquistare quote aggiuntive pernon incorrere in pesanti sanzioni, soprattutto nelle realta'dove lo splafonamento e' stato molto ridotto".(AGI)