Degrado Roma: Brignano, caro Marino fai un giro in bici con me e capirai

(AGI) - Roma - La citta' di Roma e' al centrodell'attenzione mediatica per gli scandali dell'inchiesta'Mafia Capitale' e per la situazione  

(AGI) - Roma, 22 giu. - La citta' di Roma e' al centrodell'attenzione mediatica per gli scandali dell'inchiesta'Mafia Capitale' e per la situazione di degrado denunciata inquesti giorni da Carlo Verdone e da un'inchiesta del 'Corrieredella Sera'. Enrico Brignano, uno degli attori romani piu'popolari e amati, si trova perfettamente in linea col collega emaestro: "Il degrado di Roma si vede: dalle fontane ai giardinipubblici, alla violenza, alle strade. Non c'e' una cosa -aggiunge - per cui oggi ci possiamo vantare, checche' ne dical'amministrazione comunale". L'attore, che ha finito da poco digirare 'Tutte lo vogliono', una commedia sentimentale diAlessio Maria Federici con Vanessa Incontrada, ritiene che lasituazione a Roma sia particolarmente difficile anche perche'"Mafia Capitale arriva in un momento storico molto particolaree, quindi, dovremo fare grande fatica per risalire la china".Per Brignano, il degrado nella Capitale e' tangibile: "Bastafare un giretto col motorino a Roma e si capisce quantol'immondizia e le strade siano gestite male". Ieri il sindacoMarino alla Festa dell'Unita' ha rivendicato di aver cambiatoin due anni la citta' e ha parlato di "cambiamenti epocali". Alprimo cittadino, Brignano risponde con ironia: "Forse lui dalCampidoglio vede cose piu' alte, ma noi che non ci stiamo inCampidoglio vediamo le cose un po' piu' in basso", dice ilcomico, che poi lancia una provocazione: "Siccome lui e' amantedella bicicletta, gli farei fare con me un percorso: facciamo40 chilometri insieme, io e lui, su una bicicletta nonelettrica e gli farei vedere come tante cose non vanno". Romae' una citta' difficile, aggiunge Brignano, "lo era ai tempi diTiberio, figuriamoci oggi. Ma dire che sono state fatte coseeccezionali - conclude - francamente mi sembra un po' troppo". .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it