Confcommercio: consumatori, dati allarmanti e sconfortanti

(AGI) - Roma, 8 giu. - I dati sui consumi diffusi oggi daConfcommercio restituiscono "un quadro sconfortante eallarmante". E' il commento di Adusbef e Federconsunmatori. "I consumi ad aprile segnano una ripresa del +0,5%, anostro parere addirittura sovrastimata - si legge in una nota -In ogni caso un elemento di forte preoccupazione e allarme: sitratta del dato piu' elevato da due anni a questa parte. Diquesto passo, lo attesta la stessa Confcommercio, la spesadelle famiglie tornera' ai livelli pre-crisi solo nel 2030. Ilreddito disponibile tornera' a tale livello nel 2034". Un trend,

(AGI) - Roma, 8 giu. - I dati sui consumi diffusi oggi daConfcommercio restituiscono "un quadro sconfortante eallarmante". E' il commento di Adusbef e Federconsunmatori. "I consumi ad aprile segnano una ripresa del +0,5%, anostro parere addirittura sovrastimata - si legge in una nota -In ogni caso un elemento di forte preoccupazione e allarme: sitratta del dato piu' elevato da due anni a questa parte. Diquesto passo, lo attesta la stessa Confcommercio, la spesadelle famiglie tornera' ai livelli pre-crisi solo nel 2030. Ilreddito disponibile tornera' a tale livello nel 2034". Un trend, proseguono i consumatori, "fortementescoraggiante: altri 15 anni di crisi e di rinunce siprospettano di fronte alle famiglie, le cui condizionieconomiche sono ridotte gia' allo stremo. E' impensabile unandamento del genere, le conseguenze sul'intera economiasaranno deleterie. Consumi a rilento comportano una situazionedi forte difficolta' non solo per le famiglie, ma per l'interosistema produttivo ed economico". "Per accelerare la ripresa e imprimere una vera svoltaall'incerto ed instabile andamento economico che caratterizzail nostro Paese, e' indispensabile l'avvio di una seria manovraper il rilancio dell'occupazione", dichiarano RosarioTrefiletti ed Elio Lannutti, Presidenti di Federconsumatori eAdusbef. (AGI)