Benigni show: castita'? preti la tramandano di padre in figlio

(AGI) - Roma - Roberto Benigni su Rai 1 nella specialeserata dedicata al Dieci Comandamenti ieri sera se l'e' presaun po'  [...]

(AGI) - Roma, 17 dic. - Roberto Benigni su Rai 1 nella specialeserata dedicata al Dieci Comandamenti ieri sera se l'e' presaun po' con tutti: dai preti ai 'mariuoli' di casa nostra ("ilcomandamento 'non ruibare' Dio l'ha scritto in italiano") aMatteo Renzi. "Grazie per ieri sera, quasi 10 milioni dispettatori, quasi un abbraccio, una cosa di grande calore".Roberto Benigni ha aperto cosi' la seconda serata speciale suRai1 dedicata alla sua particolare rilettura dei DieciComandamenti. Il regista e attore toscano e' partito dainotevoli dati di ascolto di ieri sera: 9,1 milioni e share del33,23%. "Vorrei avere l'indirizzo di tutti gli italiani, glimanderei a tutti un regalo: non so, una torta, 40 gerani, 80euro, un regalino a caso.... E' stata una serata straordinaria,fa impressione parlare di queste cose". La parte piu'divertente e' stata quella dedicata al sesto comandamento, 'noncommettere atti impuri'. "Si cercava di obbedire alcomandamento, poi a 18-19 anni vengo a scoprire che quelcomandamento se l'era inventato la Chiesa, non c'era nellaBibbia. Roba da fare causa alla Chiesa, roba da classaction...", ha detto Roberto Benigni. La castita' e' "virtu'che i preti si tramandano di padre in figlio...". E' la battutacon cui Roberto Benigni ha scatenato l'applauso del pubbliconello studio di Cinecitta'. Battuta fatta parlando ancora delsesto comandamento, che una volta recitava "non commettere attiimpuri" ed ora invece e' "non fare adulterio". Benigni haaggiunto che "la castita' puo' essere una grande virtu' sepraticata con moderazione...". E poi quella frase 'noncommettere atti impuri' ripetuta dal prete al catechismo"mentre ti guardava fisso negli occhi" ha finito "con ilrovinare generazioni di ragazzi, compresa la mia. Non poteteimmaginare lo sforzo per resistere...". Quindi e' toccato a"Non rubare", il settimo comandamento. Secondo Benigni "e' uncomandamento per noi italiani. E' un comandamento ad personam,pare che Dio l'abbia scritto direttamente in italiano", hadetto il comico toscano. "Sembra che con questo, Dio ci hariservato un trattamento di favore, e a Mose' che gli chiedevaperche' l'ha scritto in italiano ha risposto 'so io Mose'perche', lo capirai tra tanto tempo'". Benigni ha aggiunto"sembra proprio che Dio si rivolga a noi nella nostra lingua, ecosi' come ci ha donato le Alpi, il mare, ci ha dato uncomandamento tutto per noi. Questo li stacca tutti, nel mondo".Roberto Benigni non s'e' fatto sfuggire l'occasione televisivaper fare poi dell'ironia sullle vicende di questi giorniricorrendo ad un'altra delle sue battute fulminanti. "Non e' unNatale facile questo, c'e' chi rimane a casa,altri sono aidomiciliari...". Poi un lungo e appassionato invito ad onorarei genitori, il che "non vol dire esserne schiavi, significaprendersi cura di loro, soprattutto quando sono piu' fragili,quando sono avanti con gli anni, quando diventano bambini e noii loro genitori. Ci hanno insegnato tutto, ci hanno messo almondo, ci rendiamo conto che siamo qualcuno, siamo figli diqualcuno. Di figli ce ne saranno sempre, finche' nasce unfiglio vuol dire che Dio non si e' stancato dell'umanita'. Ilcomandamento vuole che ce ne prendiamo cura con il cuore". .