A Rimini la VI edizione del Web Marketing Festival, evento sull’innovazione digitale

Più di 50 eventi, un’area espositiva più grande che mai e 20 iniziative per raccontare il presente e il futuro del web. Con una sezione dedicata alla PA e a una ricerca realizzata con Search On Media Group per capire lo stato di digitalizzazione dei comuni italiani

A Rimini la VI edizione del Web Marketing Festival, evento sull’innovazione digitale

Il 21-22-23 giugno il mondo dell’innovazione digitale italiana si ritrova a Rimini per la sesta edizione del Web Marketing Festival. Più di 50 eventi, un’area espositiva più grande che mai e 20 iniziative per raccontare il presente e il futuro del web. Dalla formazione professionale sul mondo del web marketing ai dibattiti dedicati ai trend dall’universo tech, dalla robotica alle intelligenze artificiali, dagli show musicali all’intrattenimento artistico. Tre giorni intensi che saranno condotti da Cosmano Lombardo, Cristina Chiabotto ed Elio e Le Storie Tese e che vedranno salire sul palco più di 400 tra speaker e ospiti. Anche Agi e Agi Factory sono tra i partner dell’iniziativa, insieme ad altre moltissime realtà italiane e internazionali. con la costruzione in prima persona di alcuni eventi dedicati al mondo del Brand Journalism e del informazione di qualità.

Qual è lo stato di digitalizzazione dei Comuni italiani?

La conferenza stampa di presentazione del Festival è stata anche l’occasione per presentare alcuni numeri sullo stato di digitalizzazione dei Comuni italiani, grazie a una ricerca realizzata in collaborazione con Search On Media Group. Partiti da un dato di Audiweb che racconta come la maggior parte degli italiani fruisce il web da cellulare, a fronte di 25,4 milioni di italiani che sono online ben 12,6 milioni di questi hanno navigato da mobile, è  emerso che oltre la metà dei siti dei Comuni (54,3%) non solo non è Mobile Friendly ma ha anche tempi di caricamento, e quindi di attesa, lunghi. In 3583 siti su 7928 presi in esame (il 45,19% del totale) viene visualizzato il primo contenuto della prima pagina dopo 4 secondi e in oltre 480 dopo ben 10 secondi. 

Il programma e le novità della sesta edizione del WMF

Oltre alle lezioni frontali e ai dibattiti, il Festival ha costruito un percorso che si snoda tra 45 sale e 15 workshop con l’obiettivo di diventare, anche nel 2018, un inclusivo luogo di formazione e interazione tra mondi diversi e persone che, a vario titolo, si interfacciano al mondo digitale. L’offerta è stata costruita anche grazie ai suggerimenti arrivati dagli utenti che hanno contribuito così ad ampliare i temi da trattare durante la tre giorni riminese. Non mancheranno i focus sull’Ecommerce e Retail e sul Crowdfunding, sul Coding e sul giornalismo digitale, sulla Blockchain e sulle Criptovalute. A questi si aggiungono speech e talk dedicati a Realtà

Aumentata e Virtuale, Big Data & Aerospace, Sostenibilità Ambientale e Open Innovation.  La sezione dedicata alle intelligenze Artificiali è invece stata curata da Oracle e Microsoft. Per Cosmano, l’ideatore del Festival, si tratta di “un evento che costituisce un acceleratore di formazione e innovazione, uno strumento di crescita che non si esaurisce durante i giorni della manifestazione, ma che porta avanti durante l’arco dell’anno anche iniziative di educazione sulle nuove forme di imprenditorialità e sul web marketing”.

Gli appuntamenti da non perdere

Lo stato attuale del panorama innovativo italiano verrà affrontato dall’analisi di mercato proposta da Andrea Lamperti del Politecnico di Milano, con dati e analisi di settore su diversi ambiti di riferimento, per indagare gli scenari, presenti e futuri, dei processi di trasformazione digitale del Paese e dei suoi sviluppi. Al Festival ci sarà spazio anche a un focus sul tema Internet e Media, tra comunicazione informazione e pubblicità, come spiegano alcuni dati anticipati oggi dal Direttore Osservatorio Internet e Media: “Oltre il 6% degli acquisti di servizi e prodotti sono effettuati online, percentuale quasi raddoppiata negli ultimi 4 anni, e la spesa complessiva per questi acquisti supererà i 27 miliardi di euro a fine 2018. Inoltre, più di un terzo del mercato pubblicitario italiano è su Internet e qui a dicembre la raccolta pubblicitaria online supererà i 3 miliardi di euro. Cresce anche l’utilizzo della rete per servizi di informazione e intrattenimento: la spesa dei consumatori per abbonamenti online legati a news, video e musica ha già raggiunto i 200 milioni di euro all’anno”.

Toccherà al Team per la Trasformazione Digitale del Governo Italiano presentare, a poche settimane dalla scadenza dell’incarico, i risultati del lavoro svolto e lo stato della digitalizzazione delle PA. Alcuni talk, dibattiti, workshop e speech formativi metteranno in luce le strategie e i prodotti digitali innovativi proposti per semplificare e rendere più efficienti i servizi per i cittadini, la Pubblica Amministrazione e le imprese. Ampio spazio anche a temi dal forte impatto sociale tra cui il Cyberbullismo, che verrà affrontato grazie alla storia di una vittima di violenze online con la collaborazione di Crime+Investigation.

La Startup Competition

Al contest dedicato alle imprese innovative, giunto alla quinta edizione, sono andate ad aggiungersi altre iniziative, tra cui due Hackathon: uno dedicato alle Fake News e uno realizzato insieme a Infinity. Non mancherà la consueta attenzione alle Professioni Digitali grazie al Digital Job Placement, il servizio di recruitment del Festival che da quest’anno ha sviluppato un’omonima piattaforma proprietaria in grado di offrire nuove opportunità di lavoro e concrete occasioni di matching tra aziende e professionisti in cerca di occupazione. Ultimo, ma non meno importante, il progetto di Change Education, composto da diverse iniziative: dal WMF Lab - il laboratorio che ha coinvolto più di 20 tra istituti e università in tutta Italia nato per introdurre gli studenti verso la cultura dell’imprenditorialità -, a Digital4Sport - pensato per avvicinare i ragazzi dai 6 ai 14 anni a un uso sempre più consapevole degli strumenti digitali.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it.
Se invece volete rivelare informazioni su questa o altre storie, potete scriverci su Italialeaks, piattaforma progettata per contattare la nostra redazione in modo completamente anonimo.