SecurWoman, l'app che fa da guardia del corpo

Milano – Una app come guardia del corpo. Sono tremila le donne che hanno scelto securWoman 2.0, l’applicazione di Arxit, integratore di servizi digitali italiano, che fa da bodyguard virtuale: basta scuotere il telefono in caso di pericolo reale o percepito e  la funzionalità “sentinella” consente di entrare in contatto in pochi secondi con la centrale operativa che chiama, identifica e geolocalizza l’utente. Gli operatori si possono interfacciare rapidamente con le forze dell’ordine o di primo soccorso o accompagnare al telefono la persona nel caso di attraversamento di un’area considerata a rischio per la propria incolumità, quando esce tardi dall’ufficio o quando rientra dalla discoteca. La centrale dà supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7, in lingua italiana e inglese e sull’interno territorio italiano. Se in 50 secondi l’utente non
riceve la chiamata della centrale operativa, parte in automatico una telefonata verso il numero unico di emergenza 112.


La Modalità Sport: “tocca e allerta” o “strappa e allerta” è pensata per le donne che amano le attività in outdoor: è possibile inviare una richiesta di aiuto sfiorando lo schermo del telefono o scollegando le cuffie dallo smartphone. Con il Network Segnalazione si avvisano le altre donne di eventuali pericoli, disordini o persone ritenute sospette ad altri utenti che si trovano nel raggio di 200 metri. Coloro che fanno parte della community riceveranno una notifica che riporta il contenuto della segnalazione. Una volta scaricata l’app e attivato il servizio di abbonamento, securWoman 2.0 offre un’assicurazione fornita da Europ Assistance che comprende l’assistenza sanitaria, l’intervento di un fabbro per apertura o ripristino della serratura in caso di scippo e il rimborso delle spese per rifacimento di chiavi e documenti.
Ora l’applicazione può essere scaricata e provata per un mese gratuitamente con qualsiasi dispositivo mobile Android o iOS. (AGI)