Sanita': Zingaretti, oltre 620 mln per l'edilizia sanitaria Lazio

(AGI) - Roma, 21 lug. - Oltre 620 milioni di euro perinvestimenti in sanita': questi i fondi messi in campo dallaregione Lazio per potenziare il sistema dell'emergenza,acquistare ambulanze, rinnovare le attrezzature, mettere insicurezza le strutture con interventi antisismici eantincendio, interventi per la manutenzione e riqualificazionestraordinaria degli impianti finalizzati al risparmioenergetico e per la realizzazione di almeno una Casa dellasalute per ogni Distretto. Previsto anche un fondo peracquisire le attrezzature necessarie all'avvio delle attivita'del nuovo ospedale dei Castelli in avanzata fase dicostruzione. A presentare il pacchetto di finanziamentidestinati all'edilizia

(AGI) - Roma, 21 lug. - Oltre 620 milioni di euro perinvestimenti in sanita': questi i fondi messi in campo dallaregione Lazio per potenziare il sistema dell'emergenza,acquistare ambulanze, rinnovare le attrezzature, mettere insicurezza le strutture con interventi antisismici eantincendio, interventi per la manutenzione e riqualificazionestraordinaria degli impianti finalizzati al risparmioenergetico e per la realizzazione di almeno una Casa dellasalute per ogni Distretto. Previsto anche un fondo peracquisire le attrezzature necessarie all'avvio delle attivita'del nuovo ospedale dei Castelli in avanzata fase dicostruzione. A presentare il pacchetto di finanziamentidestinati all'edilizia sanitaria, il governatore della regioneLazio Nicola Zingaretti, il presidente della commissioneregionale sanita' Rodolfo Lena, il responsabile della cabina diregia sulla sanita' regionale Alessio D'Amato e la direttriceregionale per l'integrazione sociosanitaria Flori Degrassi. Il decreto e' stato firmato dalpresidente Nicola Zingaretti e rappresenta il primo sostanziosoinvestimento in sanita' da molti anni a questa parte. Ilpercorso attivato segue la programmazione prevista dai pianioperativi e impegna oltre mezzo miliardo di euro perinvestimenti fermi da almeno tre anni. La ricostituzione delfondo e' avvenuta recuperando tutti i finanziamenti perl'edilizia sanitaria della terza fase non utilizzati dal 1998al 2007, per un importo pari a 596.783 milioni di euro a cui siaggiungono i 31 milioni come quota a carico del bilancioregionale. Cio' ha permesso di ricostruire integralmente ilfondo per gli investimenti e di recuperare un lungo ritardo. Nei prossimi giorni insieme a tutte le Aziende sanitarie eospedaliere verra' definito il programma puntuale degliinterventi. I settori sono gia' stati individuati dal decreto esono sette: rinnovo delle tecnologie, messa in sicurezza degliedifici, risparmio energetico, ospedale Castelli. riqualificazione del sistema dell'emergenza, sanita'territoriale, Ares 118. In particolare: 110 milioni di euro perammodernamento tecnologico e acquisto delle alte tecnologie;191 milioni saranno destinati a interventi di adeguamento dellestrutture alle norme antincendio; 153 milioni saranno impegnatiper finanziare progetti per adeguamento antisismico; 6 milionisaranno impegnati per il potenziamento della rete dei servizipsichiatrici; 4,5 milioni per il potenziamento della retetrasfusionale; 49 milioni andranno a finanziarie opere diristrutturazione e messa a norma per il Policlinico Umberto I;18 milioni per interventi finalizzati ad ammodernare gliimpianti di riscaldamento ed in genere tutti quelli connessiall'obiettivo del risparmio energetico; 24 milioni sonodestinati all'acquisto di attrezzature per avviare le attivita'del nuovo ospedale dei Castelli; 33 milioni sono impegnati peril potenziamento dei 20 Dea che costituiscono la retedell'emergenza. In particolare, 10 milioni serviranno perristrutturare e potenziare i 4 Dea di Il Livello, 18,5 milioniper interventi di miglioramento strutturale sui 16 Dea di Ilivello, mentre altri 5 milioni saranno spesi per potenziare learee strategiche connesse ai Dea come terapie intensive estroke unit; 20 milioni sono previsti per la rete delle Casedella salute; 16 milioni e 387mi1a euro sono destinati arealizzare questa nuove strutture negli ospedali chiusi con ildecreto 80 e 4 milioni e 400 per quelle che saranno attivate incomplessi diversi; 13 milioni e 200 mila euro sono invece ifondi destinati al potenziamento dell'Ares 118, di questi oltrela meta', cioe' 7 milioni e 650mila euro sono finalizzati alrinnovo del parco ambulanze, 4 milioni per la rete dellesuperfici utili all'elisoccorso mentre 1 milione 500 mila eurosaranno impegnati per la sede dell'Ares. (AGI).