Sanita': Campania, nascono 250 Unita' complesse cure primarie

(AGI) - Napoli, 23 feb. - Una sanita' diffusa sul territorioche punti a ridurre i carichi sulle strutture di prontosoccorso ospedaliero e a decongestionare le liste di attesa perle visite e le prestazioni specialistiche. Nascono in Campaniale Unita' complesse di cure primarie. Saranno 250 su tutto ilterritorio regionale e dovranno essere operative, con tempi diattivazioni variabili, entro un anno. Nei prossimi 60 giorni leAsl e le aziende ospedaliere campane dovranno presentare allaRegione uno schema delle esigenze territoriali. Struttureoperative 7 giorni su 7 e per le 24 ore, che includerannopersonale medico

(AGI) - Napoli, 23 feb. - Una sanita' diffusa sul territorioche punti a ridurre i carichi sulle strutture di prontosoccorso ospedaliero e a decongestionare le liste di attesa perle visite e le prestazioni specialistiche. Nascono in Campaniale Unita' complesse di cure primarie. Saranno 250 su tutto ilterritorio regionale e dovranno essere operative, con tempi diattivazioni variabili, entro un anno. Nei prossimi 60 giorni leAsl e le aziende ospedaliere campane dovranno presentare allaRegione uno schema delle esigenze territoriali. Struttureoperative 7 giorni su 7 e per le 24 ore, che includerannopersonale medico gia' in convenzione, medici di famiglia, dellacontinuita' assistenziale, i pediatri di libera scelta e glispecialisti ambulatoriali.Per finanziarle la Regione attingera' all'avanzo di bilanciomaturato, come forma di investimento. "Siamo tra le primeRegioni in Italia - spiega il presidente Stefano Caldoro - adapplicare questo nuovo modello di assistenza sanitaria chesara' una vera rivoluzione da attuare in tempi rapidi. Unrisultato raggiunto dialogando con gli Ordini dei medici chehanno una perfetta conoscenza del territorio". Tre le tipologiepreviste che faranno riferimento alla popolazione per fasce da30mila abitanti, 15mila e 5mila. "Saranno strutture fisiche -spiega il capo dipartimento Salute della Regione, FerdinandoRomano - collocate in edifici dismessi di proprieta' di Asl eAziende ospedaliere e offriranno una serie di servizi chealleggeriranno il lavoro degli ospedali". Le nuove strutturesaranno dotate anche di personale infermieristico especializzato che sara' impiegato attraverso unariorganizzazione del personale gia' in forze. .