Salute: nuove tecnice per studiare circuiti neurali della memoria

(AGI) - Roma, 26 nov. - In arrivo nuove tecnicheneurofisiologiche in grado di valutare la funzione di circuiticerebrali il cui malfunzionamento causa malattie come ledemenze. In futuro, queste tecniche potrebbero essere la baseper programmi di neuro-riabilitazione piu' efficaci. E' ilfrutto di uno studio internazionale, pubblicato sulla rivistaJournal of Neuroscience, e a cui ha partecipato anchel'Universita' Campus Bio-Medico di Roma. Per la prima volta al mondo i ricercatori hanno potuto valutareil funzionamento di circuiti complessi della cortecciacerebrale, composti da oltre 20 tipi di neuroni, e che sonocoinvolti nelle funzioni della memoria.

(AGI) - Roma, 26 nov. - In arrivo nuove tecnicheneurofisiologiche in grado di valutare la funzione di circuiticerebrali il cui malfunzionamento causa malattie come ledemenze. In futuro, queste tecniche potrebbero essere la baseper programmi di neuro-riabilitazione piu' efficaci. E' ilfrutto di uno studio internazionale, pubblicato sulla rivistaJournal of Neuroscience, e a cui ha partecipato anchel'Universita' Campus Bio-Medico di Roma. Per la prima volta al mondo i ricercatori hanno potuto valutareil funzionamento di circuiti complessi della cortecciacerebrale, composti da oltre 20 tipi di neuroni, e che sonocoinvolti nelle funzioni della memoria. "Utilizzando tecnichedi stimolazione magnetica transcranica, un tipo di stimolazionedel cervello superficiale e non invasiva - ha spiegato VincenzoDi Lazzaro, direttore della Cattedra di Neurologiadell'Universita' Campus Bio-Medico di Roma - siamo riusciti adimostrare l'esistenza di circuiti di neuroni tra loroindipendenti anche in un'area molto ristretta del cervelloumano. Pur se spazialmente vicini, questi circuiti possonoessere attivati selettivamente. Modulandoli, percio',attraverso la stimolazione magnetica, si possono ottenereeffetti su specifiche forme di plasticita' cerebrale, ovverol'insieme dei cambiamenti della corteccia cerebrale che siverificano durante l'apprendimento e che sono alla base, adesempio, della funzione mnemonica". Oltre che per lo sviluppodi nuove forme di neuro-riabilitazione, le ricadute sarannoapplicabili a diversi campi delle neuroscienze: dallapsicologia allo studio dei processi di apprendimento. (AGI) .