Salute: le novita' della neuroradiologia in 2 congressi a Napoli

(AGI) - Roma, 14 set. - Si svolgera' a Napoli, dal 16 al 20settembre 2015, presso il Centro Congressi dell'Hotel RoyalContinental, il 28mo Congresso Nazionale della AssociazioneItaliana di Neuroradiologia (AINR) (16 e 17 settembre) ed il38? Congresso della European Society of Neuroradiology (ESNR)(18 - 20 settembre). Questi due importanti appuntamentirappresentano un'occasione di grande rilievo per la comunita'scientifica, nei quali i maggiori esperti italiani, europei edinternazionali di Neuroscienze si confronteranno sui temi dellaNeuroradiologia Interventistica, e sulle novita' relative agliaspetti diagnostici e terapeutici. In Italia sono presenticirca 60 Unita' Operative Complesse

(AGI) - Roma, 14 set. - Si svolgera' a Napoli, dal 16 al 20settembre 2015, presso il Centro Congressi dell'Hotel RoyalContinental, il 28mo Congresso Nazionale della AssociazioneItaliana di Neuroradiologia (AINR) (16 e 17 settembre) ed il38? Congresso della European Society of Neuroradiology (ESNR)(18 - 20 settembre). Questi due importanti appuntamentirappresentano un'occasione di grande rilievo per la comunita'scientifica, nei quali i maggiori esperti italiani, europei edinternazionali di Neuroscienze si confronteranno sui temi dellaNeuroradiologia Interventistica, e sulle novita' relative agliaspetti diagnostici e terapeutici. In Italia sono presenticirca 60 Unita' Operative Complesse di Neuroradiologia chesvolgono attivita' diagnostica e terapeutica nel campo dellepatologie cerebrali e spinali. Il Congresso avra' cometematiche principali: un aggiornamento multidisciplinarerelativo alle neoplasie cerebrali, un aggiornamento delladiagnosi e terapia dello stroke ischemico ed emorragico,nonche' aspetti di neuroradiologia funzionale e patologiepediatriche e spinali. Nell'ambito del Congresso Europeosaranno inoltre analizzati e discussi anche gli aspettidiagnostici relativi alle emergenze neuroradiologiche e visara' un corso integrato multi-disciplinare relativo alladiagnosi ed alle terapie nel trattamento delle malformazionivascolari cerebrali. "Negli ultimi anni - osserva il Dott.Mario Muto, Direttore di Neuroradiologia presso l'AziendaOspedaliera Cardarelli di Napoli - Chairman Spine committeeESNR, nonche' Presidente del 28? Congresso AINR e 38? CongressoESNR - c'e' stata una grande evoluzione nel campo delladiagnostica per immagini dei tumori cerebrali, determinata nonsolo dall'avvento delle nuove tecnologie quali TC ed RM, maanche dallo sviluppo di nuovi software applicativi e nuovesequenze. Questi si sono rivelati essere utili non solo nellafase diagnostica iniziale, ma anche nel follow-up del pazientetrattato prima chirurgicamente e poi con radio-chemioterapia.Grazie a tali software e' possibile effettuare un diagnosidifferenziale tra una reale ripresa di malattia neoplasticarispetto ad una pseudo-progressione morfologica, dato moltoimportante ai fini terapeutici, sia nel campo dei tumoriprimitivi che quelli metastatici". "Anche per quanto riguardail trattamento dello stroke ischemico acuto e di quelloemorragico, due evenienze molto frequenti di mortalita' neipaesi occidentali,- prosegue il Dott. Mario Muto - sono statimolti passi in avanti. La Neuroradiologia Interventistica hasviluppato molte tecniche terapeutiche sia per il trattamentodegli aneurismi intracranici, ma recentemente anche per iltrattamento dello stroke ischemico in fase acuta mediantetecniche mini-invasive, come la disostruzione del trombo otrombo-aspirazione. L'obiettivo di queste tecnichemini-invasive nella terapia dello stroke acuto e' unadisostruzione meccanica-farmacologica del trombo responsabiledella sintomatologia. Negli ultimi anni c'e' stato un grandeincremento di questo tipo di azioni a livello nazionale einternazionale e la stessa grande industria di settore vedel'Italia come punto di riferimento per i risultati raggiunti.E' fondamentale pero'- conclude Muto - che le tecnichediagnostiche e terapeutiche vengano svolte in tempi brevidall'inizio della sintomatologia acuta, per evitare dannicerebrali ed il trattamento endovascolare si e' dimostratomolto efficace negli ultimi studi pubblicati". (AGI).