Fecondazione: aumentano trattamenti, boom centri privati

(AGI) - Roma, 9 lug. - La fecondazione assistita e' un servizioin crescita costante in Italia, anche se sempre piu'appannaggio di centri privati. Lo rivela la Relazionesull'applicazione della Legge 40, che regola la procreazionemedicalmente assistita, relativa all'anno 2012, inviata lascorsa settimana dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin alParlamento. La Relazione conferma la tendenza a un aumento delnumero dei centri privati - 218 nel 2012, erano 185 al 31gennaio 2009 - e a una diminuzione di quelli pubblici e privaticonvenzionati - 137 nel 2012, erano 156 al 31 gennaio 2009. Icicli

(AGI) - Roma, 9 lug. - La fecondazione assistita e' un servizioin crescita costante in Italia, anche se sempre piu'appannaggio di centri privati. Lo rivela la Relazionesull'applicazione della Legge 40, che regola la procreazionemedicalmente assistita, relativa all'anno 2012, inviata lascorsa settimana dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin alParlamento. La Relazione conferma la tendenza a un aumento delnumero dei centri privati - 218 nel 2012, erano 185 al 31gennaio 2009 - e a una diminuzione di quelli pubblici e privaticonvenzionati - 137 nel 2012, erano 156 al 31 gennaio 2009. Icicli di trattamento aumentano in tutti i centri. Vi sonoancora molti centri che svolgono un numero ridotto di procedurenell'arco dell'anno. In generale, aumenta l'accesso alletecniche di PMA, che si avvicina alle medie europee. ''Ilsempre maggiore ricorso alle tecniche di fecondazione assistita- si legge nella relazione - e' un elemento da approfondire inambito socio-sanitario: il dato italiano, inferiore a quellodella media europea del 2010, e superiore al singolo datoriferito a paesi come la Gran Bretagna e la Germania, potrebbeessere legato al fatto che nel nostro paese, in generale, sicerca di avere figli in un'eta' piu' elevata, nella quale lafertilita' e' notevolmente ridotta. Questo fenomeno implica cheanche la scoperta d'infertilita' si verifichi ad un'eta' nellaquale l'efficacia delle tecniche di procreazione medicalmenteassistita e' sensibilmente limitata. Per esempio nella tecnicadi I livello, la percentuale di successo sulle donne conun'eta' pari o superiore ai 40 anni risulta del 5,5% e siabbassa fino al 2,6% per le donne con un'eta' superiore ai 43anni''. (AGI).