Virginia Raggi ha ragione: il curriculum di Marra era "estremamente importante"

Virginia Raggi ha ragione: il curriculum di Marra era "estremamente importante"
Raggi - Marra 

Il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ospite di Enrico Mentana su La7 ha dichiarato lo scorso 3 febbraio: “Marra aveva un curriculum estremamente importante. Una persona con quattro lauree, una persona che proveniva dalla Guardia di Finanza, con delle onorificenze da parte del Presidente della Repubblica”.

Raffaele Marra, dirigente pubblico di 45 anni entrato al Comune di Roma con Gianni Alemanno e divenuto con Virginia Raggi – che lo ha fortemente voluto – capo del personale, era stato arrestato il 16 dicembre 2016 con l’accusa di corruzione per fatti risalenti alla giunta di centrodestra.

Le lauree ci sono tutte, anche se una è 'raddoppiata'

Il suo curriculum vitae, che si trova sul sito del Comune di Roma, riporta effettivamente quattro titoli di laurea, anche se solo tre sono specialistiche o a ciclo unico: le prime due sono giurisprudenza ed economia e commercio, mentre per “Scienze della sicurezza economica e finanziaria” sono segnalate sia quella di primo livello che quella specialistica.

Si tratta di una condizione effettivamente eccezionale, se si considera che – in base a un’indagine svolta per conto di Contribuenti.it nel 2013, e allora ripresa dalla stampa – in Italia ci sono poche centinaia di persone (259 nel 2013) con ben quattro lauree magistrali.

Marra ne ha tre magistrali o a ciclo unico (pre-riforma), in quanto in scienze della sicurezza economica e finanziaria uno dei due titoli è triennale. Non abbiamo dati su quanti italiani siano in questa condizione, ma si tratta sicuramente di una minoranza estremamente ridotta.

Anche il passato nelle Fiamme Gialle è una realtà inconfutabile

Per quanto riguarda la sua provenienza dalla Guardia di Finanza non sussiste alcun dubbio. L’Espresso aveva ricostruito la storia di Marra già a fine ottobre 2016, prima dell’arresto: “Arruolato nel 1991 dopo gli studi alla Nunziatella di Napoli, frequenta i corsi per sottufficiali a Cuneo, e poi si trasferisce a Bergamo continuando l’accademia e diventando tenente. Nel 1997 ottiene il primo comando della tenenza dell’aeroporto di Fiumicino […]. Nel 2006 decide di buttarsi nella pubblica amministrazione”. Poco più di 14 anni dunque.

Sei onorificenze: tre dallo Stato, tre dalla Chiesa

E veniamo alle onorificenze citate dalla Raggi. In un altro CV di Marra, anch’esso caricato sul sito del comune capitolino, si legge che gli sono stati conferiti i seguenti sei titoli, i primi tre delle istituzioni italiane e gli altri tre di tipo religioso: Commendatore dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana; Brevetto di Concessione della Croce d’argento per anzianità di servizio ai sensi del D.P.R. 23 giugno 1990 n. 195, rilasciata dal Comandante Generale della Guardia di Finanza in data 7 luglio 2004; Attestazione al Merito della Sanità Pubblica, conferita con Decreto del Ministero della Salute in data 14 dicembre 2006; Donato di devozione al Sovrano Militare Ordine di Malta; Cavaliere dell’Ordine Equestre di S. Silvestro Papa; Cavaliere dell’Ordine Equestre del S. Sepolcro di Gerusalemme.

La prima onorificenza di Commendatore è relativa all’Ordine al merito della Repubblica italiana, che è presieduto dal Presidente della Repubblica. Marra l’ha ricevuta il 28 dicembre 2008, durante la presidenza di Giorgio Napolitano. Secondo il sito del Quirinale sono state concesse 47.030 onorificenze da Commendatore.

La seconda, la Croce d’argento per anzianità delle Fiamme Gialle, è quella su cui erano stati espressi alcuni dubbi. Come scrive ancora l’Espresso, “Marra su uno dei curriculum si vanta di aver avuto una croce d’argento per anzianità di servizio e a lui «rilasciata il 7 luglio del 2004». Un miracolo: l’onorificenza viene infatti assegnata per legge minimo dopo 16 anni di servizio. Marra è stato in Finanza poco più di 14 anni”. A tale insinuazione aveva risposto allora Marra con una lettera a una agenzia di stampa, rivendicando la correttezza della procedura. Abbiamo controllato presso la Guardia di Finanza e ci hanno confermato che l’onorificenza è stata conferita regolarmente, potendo Marra vantare – in base alla legge – non solo gli anni di servizio nelle Fiamme Gialle (14), ma anche i tre anni di studi presso la Scuola Militare Nunziatella. Il totale a quel punto è superiore ai 16 anni necessari e sufficienti all’ottenimento della Croce d’argento per anzianità.

La terza onorificenza viene rilasciata con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro della Salute, e negli elenchi compare il nome di Marra. Gli ultimi tre titoli sono poi concessi da ordini religiosi cavallereschi dipendenti dal Vaticano.

Virginia Raggi ha dunque ragione nel sostenere che il curriculum di Marra fosse “estremamente importante”. È vero che il dirigente pubblico avesse 4 lauree, anche se sarebbe forse più corretto dire tre (tante sono quelle magistrali o “del vecchio ordinamento”); è vero che avesse un passato nella Guardia di Finanza; ed è vero che aveva numerose onorificenze, due delle quali rilasciate dalla Presidenza della Repubblica.