L'Iran minaccia gli Usa. Trump invia altre truppe in Medio Oriente

Teheran promette una "vendetta pesante al momento opportuno". Washington conferma il dispiegamento di ulteriori truppe. Quelle di stanza a Vicenza potrebbero essere inviate in Libano 

usa iran 
JIM WATSON / AFP

 
Donald Trump

Gli Usa sono pronti ad inviare altre migliaia di soldati in Medio Oriente, in risposta all'Iran che minaccia una "vendetta pesante al momento e nel luogo opportuni" per "il più grave errore dell'America in Asia occidentale", l'uccisione del generale Qassem Soleiman.

Donald Trump ha assicurato che Soleimani "preparava attacchi imminenti contro diplomatici e militari Usa", ma, ha aggiunto, "il suo regno del terrore è finito". "Non abbiamo agito per iniziare una guerra ma per terminarla", ha sottolineato il presidente Usa. "Non vogliamo un cambio di regime in Iran, ma "le aggressioni di Teheran nella regione, incluso l'uso di combattenti per destabilizzare i suoi vicini, devono terminare, e devono terminare ora". "Gli Stati Uniti hanno di gran lunga il miglior esercito del mondo; abbiamo la migliore intelligence del mondo. Se gli americani di tutto il mondo sono minacciati, abbiamo già identificato degli obiettivi. E sono pronto a intraprendere qualsiasi azione necessaria, in particolare nei confronti dell'Iran", ha ammonito Trump.

Il Pentagono ha confermato il dispiegamento di ulteriori truppe: la brigata dell'Irf (Immediate Response Force) dell'82esima divisione aviotrasportata è stata allertata per prepararsi allo schieramento. Un battaglione dell'Irf è stato dispiegato nell'Aor (Area of Responsibility). Allo stesso tempo, il resto della brigata è stato posto in preavviso di 96 ore.

La brigata si dispiegherà in Kuwait. Secondo fonti militari citate dalla Cnn e la Nbc, il numero di soldati che saranno inviati nella regione potrebbe essere compreso tra 3.000 e 3.500. Le truppe Usa di stanza a Vicenza potrebbero essere inviate in Libano, se necessario, a protezione dell'ambasciata americana: un contingente da 130 a 700 militari, ha confermato una fonte della Difesa che ha voluto restare anonima. In settimana il Pentagono ha già inviato 750 soldati in Medio Oriente in risposta all'assalto dell'ambasciata americana a Baghdad. Allo stesso tempo, mentre crescono le preoccupazioni della comunità internazionale per l'escalation di tensione e si moltiplicano gli appelli alla moderazione, il Dipartimento di Stato ha fatto sapere che gli Usa sono pronti a parlare con l'Iran. "Abbiamo provato a farlo in passato, l'opzione resta sul tavolo", ha sottolineato un funzionario.

L'uccisione del potente capo delle milizie Al-Quds dei Guardiani della rivoluzione rischia di scatenare un terremoto nella geopolitica mediorientale. Manifestazioni di protesta contro gli Usa si sono tenute in diverse città iraniane. Un fiume di gente vestita di nero ha sfilato in una sorta di corteo funebre nella città natale di Soleimani, Kerman.

Teheran ha giurato vendetta: la Guida Suprema, l'Ayatollah Ali Khamenei, ha promesso "una dura rappresaglia". "La gioia diventerà presto lutto", hanno assicurato i pasdaran. Dal Libano Hezbollah la punizione da parte "di tutti i combattenti della resistenza nel mondo". 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it