Tunisia: sgominata cellula jihadista in periferia nord Tunisi

(AGI) - Tunisi - Il ministero dell'Internotunisino ha annunciato di aver sgominato una cellula jihadistanella periferia nord di Tunisi. Nell'ambito delle attivita' diprevenzione volte a fermare eventuali attentati terroristicinel paese, la polizia della sezione anti-terrorismo ha scopertola cellula jihadista attiva e arrestato tutti i suoicomponenti. Si tratta di sette persone, alcune delle quali notealle forze dell'ordine per aver partecipato a combattimentiarmati in Siria. Il gruppo era in contatto con terroristitunisini ancora attivi in Siria ed aveva anche il compito direclutare giovani da mandare nelle zone di combattimento. .

(AGI) - Tunisi, 18 mar. - Il ministero dell'Internotunisino ha annunciato di aver sgominato una cellula jihadistanella periferia nord di Tunisi. Nell'ambito delle attivita' diprevenzione volte a fermare eventuali attentati terroristicinel Paese, la polizia della sezione anti-terrorismo ha scopertola cellula jihadista attiva e arrestato tutti i suoicomponenti. Si tratta di sette persone, alcune delle quali notealle forze dell'ordine per aver partecipato a combattimentiarmati in Siria. Il gruppo era in contatto con terroristitunisini ancora attivi in Siria ed aveva anche il compito direclutare giovani da mandare nelle zone di combattimento.

Intanto nel vicino Egitto le autorita' hannofermato un cittadino statunitense che aveva intenzione diunirsi alle forze dello Stato islamico in Siria. L'uomo e'stato fermato al suo arrivo all'aeroporto del Cairo. Lanovita' pero', secondo quanto riporta il quotidiano "alMasry al Youm", e' che non si tratta di un civile ma di unpilota dell'aviazione militare Usa che era stato licenziatolo scorso gennaio. L'uomo lavorava come meccanico ed era unesperto informatico presso le basi militari statunitensi inMedio Oriente. L'ex militare aveva pianificato di recarsi inEgitto e successivamente in Turchia, per entrare in Siriaattraversando il confine di terra. I suoi problemi sonoiniziati in Turchia quando all'aeroporto di Istanbul e'stato respinto e rispedito in Egitto.(AGI)