Cosa dice il codice di condotta che May ha imposto ai Tory contro le molestie

Un processo a tre fasi per valutare i comportamenti, l'espulsione per punire gli abusi e, se serve, il ricorso alla polizia

Cosa dice il codice di condotta che May ha imposto ai Tory contro le molestie
Daniel LEAL-OLIVAS / AFP 
 Theresa May

Theresa May ha introdotto un nuovo codice di condotta per i politici conservatori in seguito allo scandalo di molestie sessuali che ha travolto alcuni esponenti del partito. In una lettera a John Bercow, speaker della Camera dei Comuni, riportata dal Times, May ha dichiarato che il suo partito e il governo vogliono adottare "una procedura comune, trasparente e indipendente di ritorsione per tutti coloro che lavorano in parlamento". Ha inoltre presentato una procedura dettagliata per affrontare le accuse di comportamenti impropri all'interno del partito conservatore, incluso un processo di arbitrato semi-indipendente per le denunce e una hotline telefonica riservata.

Il codice di condotta mette a disposizione di coloro che intendono sporgere denuncia un indirizzo e-mail e una linea telefonica riservata. Le accuse saranno quindi oggetto di un processo a tre fasi cha parte dalla raccolta delle informazioni portate dal denunciante e dalle testimonianze. Queste informazioni saranno valutate da un gruppo di tre o più persone nominate dal presidente del partito e di cui farà parte almeno un membro indipendente. Il panel riferirà i suoi risultati al presidente.

I parlamentari e altri rappresentanti di Tory potrebbero essere sospesi o espulsi se i reclami contro di essi si rivelassero fondati. Il partito si è anche impegnato a contattare direttamente la polizia quando i reclami contengono accuse di rilevanza penale.

Il rilascio del nuovo codice di condotta viene nel momento che il primo ministro si prepara a incontrare il leader di lavoro Jeremy Corbyn e i leader degli altri partiti di opposizione di Westminster, per discutere proposte per un nuovo sistema di segnalazione per le denunce.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it