Atterraggio di emergenza per un Boeing canadese in Spagna

Un 767 della compagnia canadese Air Canada è stato costretto a una manovra di emergenza per un problema a una ruota e un'avaria al motore. In volo anche un F-18 dell'aviazione spagnola

Spagna atterraggio emergenza air canada
Markus Mainka / picture alliance / dpa Picture-Alliance
Un Boeing 767 della Air Canada

Un Boeing 767 della compagnia canadese Air Canada è stato costretto a una manovra di atterraggio di emergenza all'aeroporto di Madrid, in Spagna dopo aver perso una ruota. Il volo AC837 per Toronto era decollato alle 14.30 dallo scalo della capitale, 15 minuti dopo la riapertura dell'aeroporto che era stato chiuso a causa della presenza di un drone nell'area. A bordo c'erano 130 passeggeri.

Dopo il decollo l'aereo ha perso una ruota, quindi il pilota ha deciso di interrompere il volo e di informare la torre di controllo per richiedere un atterraggio di emergenza. Sebbene la pista fosse stata subito abilitata, con tutti i servizi di emergenza preparati, l'aereo ha dovuto prima scaricare quasi tutto il carburante come previsto i protocolli di sicurezza. 

A complicare la situazione c'è stata una piccola avaria al motore sinistro. Il comandante ha spiegato ai passeggeri che la situazione è sotto controllo: "Atterreremo all'aeroporto di Barajas ma abbiamo i serbatoi pieni di carburante, quindi continueremo a volare in cerchio fino a quando non avremo consumato un pò di carburante per essere più leggeri al momento dell'atterraggio. Tutto è sotto controllo Questo aereo ha sul carrello di atterraggio otto ruote posteriori su ciascun lato e anche nella parte anteriore, e ne abbiamo perso solo una, quindi non ci saranno problemi per l'atterraggio. Grazie mille per la pazienza".

Nel frattempo il pilota di un caccia F-18 dell'Aeronautica militare decollato dalla base aerea di Torrejon per valutare il danno del Boeing in volo e fornire supporto logistico ha scattato diverse fotografie del danno e ha parlato con il comandante dell'aereo della Air Canada prima di rientrate alla base. 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it