A passeggio nel parco per cercare moglie ai figli single: un fenomeno tutto cinese

Il parco del Tempio del Cielo è il luogo più rinomato per questo servizio di matchmaking offerto in modo spontaneo da genitori ansiosi di trovare il partner ideale per i figli scapoli. Un articolo del China Daily

A passeggio nel parco per cercare moglie ai figli single: un fenomeno tutto cinese

Approfittano della lunga vacanza per la festa nazionale per mettersi alla ricerca della futura nuoran o del futuro genero. I genitori cinesi sono ansiosi di trovare il partner ideale per i figli scapoli, sempre più diffusi nella Cina moderna, e vanno a cercarli nei parchi di Pechino, proponendo futuri matrimoni combinati a papabili suoceri.  

Il parco del Tempio del Cielo è il luogo più rinomato per questo servizio di matchmaking offerto in modo spontaneo da genitori disperati.  Informazioni anagrafiche e qualità dei figli single sono elencati sui volantini appesi un po’ ovunque. Centinaia di persone si fermano a leggere, scattano foto.

La borsa dei cuori solitari

Si tratta ormai di un vero e proprio mercato per cuori solitari, gli incontri tra genitori avvengono almeno quattro volte alla settimana. Molta gente va a curiosare quella che è diventata anche un’attrazione turistica. Succede così che tra genitori ci si metta d’accordo, ci si scambino contatti e informazioni sui figli degli altri che potrebbero piacere ai propri.  

A passeggio nel parco per cercare moglie ai figli single: un fenomeno tutto cinese

Se il figlio dice no

Certo a volte il matchmaking non ha buon esito: spesso i figli non hanno nessun interesse per i partner selezionati dai genitori. Più del 50% dei single dichiara di non avere “nessuna fretta” di convolare a nozze, secondo un rapporto pubblicato lo scorso anno sul sito di networking professionale LinkedIn e la piattaforma online di matchmaking Zhenai.

Zhang Wen ha un figlio di 33 anni (scapolo) e va regolarmente con sua moglie al Tempio del Cielo. "Capisco che le possibilità di trovare una nuora in un mercato come questo sono estremamente basse, ma non fa male tentare la fortuna e provare”, ha detto al China Daily.

Ma Lili, 25 anni, fa la contabile in una società straniera a Pechino. Secondo lei questa attività trasmette un sentimento di disperazione dei cosiddetti “left-over”, “sheng nu” in cinese: un termine tradotto in italiano come “avanzi” e usato per classificare chi resta single dopo i 30 anni.

I dati diffusi dal Ministero degli Affari Civili ad agosto mostrano i matrimoni sono calati per quattro anni consecutivi, dal 9,6 per cento nel 2014 al 7,7 per cento nel 2017.

Ha contribuito Wang Jing



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it