Cos'è questa storia della parata militare in stile francese voluta da Donald Trump

Impressionato dalle celebrazioni della Bastiglia del 14 luglio, il presidente americano ha chiesto ai suoi generali di farne una, ma molto più grande, a Washington 

Cos'è questa storia della parata militare in stile francese voluta da Donald Trump

Aveva detto di essere rimasto colpito dalla parata militare a Parigi in occasione delle ultime celebrazioni della presa della Bastiglia, il 14 luglio, quando è stato ospite del presidente francese Emmanuel Macron. Così il presidente americano Donald Trump ha chiesto al Pentagono di organizzare un'imponente parata militare, tipo quella francese, che si terrà verso la fine dell'anno per celebrare le forze armate Usa. Lo riportano i media americani. La richiesta sarebbe partita durante un incontro, lo scorso 18 gennaio, nella 'tank' del Pentagono, ovvero la stanza riservata ai colloqui top secret.

La Casa Bianca ha poi confermato che il presidente ha chiesto al Pentagono di organizzare una parata militare come quella francese per sottolineare il suo ruolo di comandante in capo. "Il presidente Trump è un grande sostenitore degli uomini in divisa che rischiano la loro vita ogni giorno per tenere il nostro Paese al sicuro", ha detto la portavoce Sarah Sanders, "e ha chiesto al ministero della Difesa di studiare una celebrazione in occasione della quale tutti gli americani possano mostrare il loro apprezzamento". Anche il Pentagono ha confermato di aver iniziato a lavorare per "definire i dettagli". I parlamentari democratici hanno bocciato la richiesta paragonandola al capriccio di un bambino.

I democratici: "Un assurdo spreco di soldi"

"Che assurdo spreco di soldi", ha tuonato il deputato dem Ted Lieu. "Abbiamo già il giorno dei veterani", ha osservato. "Non siamo una dittatura o una monarchia", gli ha fatto eco la senatrice, veterana del Vietnam, Tammy Duckworth. "Ho giurato, nelle forze armate e in Senato, di proteggere e difendere la costituzione degli Stati Uniti - ha dichiarato - non di soddisfare scioccamente i capricci di un cadetto tronfio e di applaudire quando mi dice di applaudire".

Cos'è questa storia della parata militare in stile francese voluta da Donald Trump
 Donald Trump, presidente degli Stati Uniti

Donald Trump vuole questa parata lungo Pennsylvania Avenue, a Washington. Ma -ca va sans dir- la vuole ancora più imponente. E il Pentagono ci sta già lavorando. La richiesta è partita durante un incontro, lo scorso 18 gennaio, nella 'tank' del Pentagono, ovvero la stanza riservata ai colloqui top secret. Presente il ministro della Difesa, Jim Mattis e il capo dello Stato maggiore congiunto, generale Joseph F. Dunford Jr., Trump ha dato l'ordine di scuderia: "Voglio una parata come quella in Francia", ha raccontato una fonte.

La notizia è stata data dal Washington Post, ma la Casa Bianca poco dopo l'ha confermata. "Il presidente Trump sostiene in modo straordinario le truppe americane che ogni giorno rischiano la vita per tenere il nostro Paese al sicuro", ha detto la portavoce Sarah Sanders Huckabee, in una nota. "Ha chiesto al dipartimento Difesa di valutare un evento celebrativo a cui tutti gli americani possono far vedere il loro apprezzamento".

Perché in America finora non si sono fatte parate militari

Simboli potenti del potere militare, le parate sono da diversi decenni evitate dai presidenti americani che temono paragoni con i regimi autocrati, in cui le sfilate sono la norma (Russia, Cina, Corea del Nord). Ma Trump è un presidente anomalo.

Cos'è questa storia della parata militare in stile francese voluta da Donald Trump
 Donald Trump e Emmanuel Macron

Il capo del Pantagono, James Mattis, invece difende il presidente Donald Trump e la sua richiesta di una trionfale parata, come quella che ha visto a Parigi in occasione delle celebrazioni per presa della Bastiglia. Denota "il suo rispetto e la sua passione per le forze armate", ha detto Mattis mentre l'opposizione democratica è insorta bollando la richiesta come uno spreco di risorse pubbliche.



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it