Pakistan: Tehmina Janju, italiani investano "c'e' un potenziale enorme"

(AGI) - Roma - Italia e Pakistan devono ancorautilizzare appieno l'enorme potenziale di scambi commerciali edi business tra i due Paesi.  [...]

(AGI) - Roma, 6 mar. - Italia e Pakistan devono ancorautilizzare appieno l'enorme potenziale di scambi commerciali edi business tra i due Paesi. A parlarne con l'AGI e'l'ambasciatore di Islamabad a Roma, Tehmina Janju, convintasostenitrice che gli investitori italiani debbano ora puntaresul Pakistan senza farsi condizionare da problemi di sicurezzao di crisi energetica. "Abbiamo colloqui con la comunita'business di Roma, Milano, Bari, Venezia. Questo perche' inItalia e' molto decentralizzata in termini di business". IlPakistan, ha spiegato l'ambasciatore, "offre incredibiliopportunita' per la crescita e le imprese italiane non devonoessere timide nell'esplorare queste opportunita'". A parte ilsettore energia che vede il gruppo Eni impegnato dal 2000 nelPaese asiatico, "anche altre societa' italiane devono farsiavanti e superare le reticenze". Il riferimento e' alle preoccupazioni del settore tessileitaliano per via dello status di Generalised System ofPreferences (GSP) assegnato al Pakistan dall'Ue nel 2013 e chegarantisce alla produzione del paese asiatico un regime diesenzione da tariffe doganali fino al 2017. Tehmina Janjua e'dovuta intervenire in prima persona sulla questione rispondendoad alcuni articoli di stampa che riportavano le preoccupazionidegli industriali spiegando che i target tra i prodotti tessiliegiziani e italiani sono molto diversi e che i prodottipakistani ricadono sostanzialmente nella categoria deimateriali grezzi e dei prodotti intermedi. Al contrario, haprecisato l'ambasciatore, "lo status di Gps non fa altro chespingere maggiormente la produzione locale grazie ai miglioriprezzi dei materiali grezzi". Cercando anche di smussare i timori sulla crisi energeticae sulla situazione di sicurezza la diplomatica ha aggiunto checomunque il Pakistan resta un 'hub' regionale con legami conpaesi come l'Afghanistan, gli Stati dell'Asia centrale, l'Irane il Golfo. Inoltre, ha sottolineato, anche l'Italia staattraversando un momento di crisi e ha bisogno sempre piu' dinuovi mercati su cui investire. (AGI).