Nozze Gay: ministro Giustizia Texas, si potranno ancora negare

(AGI) - Washington - Il Texas sfida apertamente la Corte Suprema degli Stati Uniti. Nello Stato iper-conservatore i funzionari comunali potranno  

(AGI) - Washington, 29 giu. - Lo stato iper-conservatore delTexas sfida apertamente la Corte Suprema degli Stati Uniti. InTexas i funzionari comunali potranno continuare a rifiutarsi dicelebrare e trascrivere nozze tra persone dello stesso sessononostante la sentenza dei 9 giudici di Washington che solovenerdi' scorso aveva annullato a livello federale ognidistinzione tra matrimoni etero e gay. Lo ha deciso il ministrodella Giustizia dello Stato, Ken Paxton, spiegando checentinaia di di funzionari pubblici hanno chiesto di ottenereistruzioni su come applicare una decisione illegale e viziatadi una corte di "attivisti". Per Paxton mentre la Corte Suprema ha "creato" un nuovodiritto costituzionale, questa non puo' annullare o porre indubbio il I emendamento della costituzione che regola, oltrealla liberta di espressione, anche quella di manifestareliberamente la propria religione. "Gli addetti (alle nozze) delle contee e i loro impiegaticonservano le loro liberta' religiose e quindi possonorifiutarsi per motivi religiosi di concedere una licenza dimatrimonio a persone dello stesso sesso", ha scritto Paxton,aggiungendo che "i giudici di pace (funzionari pubblici che tral'altro celebrano matrimoni negli Usa, ndr) cosi' come igiudici allo stesso modo conservano le loro liberta' religiosee possono sostenere che il governo non puo' obbligarli acelebrare cerimonie tra persone dello stesso sesso se questesono contrarie alla loro religione". Il ministro della Giustizia texano non si nasconde che ifunzionari che rifiuteranno la concessione di licenze per nozzegay potranno essere denunciati ma, ha garantito, godranno di unforte sostegno legale: "Numerosi avvocati sono pronti adassistere i loro diritti religiosi gratis ed io personalmentefaro' tutto quanto in mio potere per difenderli". (AGI) .

Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it