Lo sciopero degli sceneggiatori Hollywood raggiunge i 100 giorni

Lo sciopero degli sceneggiatori Hollywood raggiunge i 100 giorni

Writers Guild of America: Gli studios sono totalmente responsabili dell'arresto di oltre tre mesi dell'industria e del dolore che ha causato ai lavoratori 

usa sciopero sceneggiatori hollywood raggiunge cento giorni

© WGI - Il picchettaggio della WGI a sostegno dello sciopero degli sceneggiatori statunitensi

AGI - Lo sciopero degli sceneggiatori di Hollywood ha raggiunto il traguardo dei 100 giorni, eguagliando la durata dello storico sciopero del 2007-2008. Gli scrittori hanno definito l'occasione una "pietra miliare della vergogna" per gli studios, mentre le due parti rimangono in stallo.

Dall'inizio di maggio, lo sciopero della Writers Guild of America ha bloccato innumerevoli riprese e produzioni cinematografiche, costando all'economia californiana milioni di dollari ogni giorno, ma le due parti non hanno ancora raggiunto un accordo. Il caos che ha colpito l'industria dell'intrattenimento si è aggravato solo il mese scorso, quando gli scrittori si sono uniti ai picchetti della ben più grande Screen Actors Guild (SAG-AFTRA).

"Il rifiuto di prendere sul serio le ragionevoli proposte degli sceneggiatori ha fatto sì che lo sciopero della Wga durasse 100 giorni e oltre; serve solo come pietra miliare della vergogna" per gli studios, ha dichiarato la Wga all'Afp. Gli studios "sono totalmente responsabili dell'arresto di oltre tre mesi dell'industria e del dolore che ha causato ai lavoratori e a tutti coloro il cui sostentamento dipende da questa attività", si legge in un comunicato del sindacato.

Gli sceneggiatori e gli attori chiedono una migliore retribuzione e diritti, garanzie sull'uso futuro dell'intelligenza artificiale e altre condizioni di lavoro. "Il costo della risoluzione degli scioperi della Wga e della Sag-Aftra è di gran lunga inferiore ai danni causati dalla loro intrattabilità", si legge nel comunicato della Wga.

Non c'è una fine prevedibile: la scorsa settimana una sessione di negoziati che ha coinvolto gli studios e le case di produzione di Hollywood e i lavoratori in sciopero si è conclusa con pochi progressi. A New York e a Los Angeles si sono svolti picchetti speciali della Writers Guild of America per ricordare il centesimo giorno di sciopero.

Le reti televisive sono a un mese dall'inizio della nuova stagione autunnale e le emittenti hanno già predisposto piani di emergenza per la programmazione che esclude le serie sceneggiate più popolari.