Brusca frenata per l'economia britannica

Brusca frenata per l'economia britannica

A maggio il Pil ha registrato una contrazione dello 0,1% su base mensile e dello 0,4% su base annua. Colpita particolarmente la produzione

regno unito pil colpo freno 

Pil

AGI - Frena a maggio l'economia britannica. Il Pil ha subito una contrazione dello 0,1% su base mensile dopo una crescita dello 0,2% ad aprile e rispetto alle previsioni del mercato di un calo maggiore dello 0,3%, con l'incoronazione del re che ha portato a un ulteriore giorno festivo l'8 maggio. Su base annua il Pil è sceso dello 0,4% a maggio dal +0,5% di aprile e rispetto alle attese di una flessione dello 0,7%.

La produzione è stata la più colpita, con un calo dello 0,6%, dovuto principalmente a un crollo del 2% nella fornitura di elettricità, gas, vapore e aria condizionata, mentre la fornitura di acqua e fognature è scesa dell'1,7% e la produzione manifatturiera dello 0,2%. Inoltre, le costruzioni sono scese dello 0,2% e i servizi sono rimasti fermi (contro lo 0,3%), in quanto un aumento dell'1,1% nelle attività sanitarie e di assistenza sociale è stato compensato da un calo dello 0,5% nel commercio all'ingrosso e al dettaglio e nella riparazione di autoveicoli e motocicli. La produzione nei servizi rivolti ai consumatori è diminuita dello 0,2%, soprattutto a causa delle attività di ristorazione. Considerando i tre mesi fino a maggio, l'economia britannica non ha registrato alcuna crescita. Si stima che il Pil sia ora dello 0,2% al di sopra dei livelli pre-coronavirus.

Tornando alla produzione industriale, il dato di maggio risulta in ulteriore calo rispetto alla flessione dello 0,2% rivista al ribasso di aprile e in peggioramento rispetto alle previsioni del mercato che prevedevano un calo dello 0,4%. Si è inoltre registrato il calo più marcato dall'agosto 2022, dovuto principalmente all'ampio calo della produzione di elettricità, gas, vapore e aria condizionata (-2% rispetto allo 0,7% di aprile). Inoltre, contributi negativi minori sono giunti dalla fornitura di acqua (-1,7% contro -0,3%) e dal settore manifatturiero (-0,2% contro -0,1%). Nel frattempo, la produzione è rimbalzata nel settore minerario ed estrattivo (0,3% vs. -2,4%). Su base annua, la produzione industriale è scesa del 2,3%, in linea con le aspettative del mercato e dopo un calo dell'1,6% rivisto al ribasso nel mese precedente.