Per Mosca "dietro l'attentato al ponte della Crimea ci sono gli 007 di Kiev"

Per Mosca "dietro l'attentato al ponte della Crimea ci sono gli 007 di Kiev"

Lo hanno stabilito i servizi segreti russi (Fsb), insieme al Comitato investigativo della Federazione.

Ponte Crimea Mosca capo 007 militari Kiev

Dmitri Peskov, portavoce del Cremlino

AGI - I servizi segreti russi (Fsb), insieme al Comitato investigativo della Federazione, hanno stabilito che a organizzare quello che Mosca ritiene un "attentato terroristico", l'esplosione sul ponte di Kerch in Crimea, sia stata la direzione principale dell'intelligence del ministero della Difesa dell'Ucraina e il suo capo Kirill Budanov. Lo riporta Ria Novosti.

"E' stato stabilito che l'organizzatore dell'attacco terroristico al ponte di Crimea è la direzione principale dell'intelligence del ministero della Difesa ucraino, il suo capo Kirill Budanov, i dipendenti e gli agenti", ha annunciato l'Fsb.

Secondo le indagini condotte finora dalle autorità di Mosca, la bomba esplosa sul ponte che collega la penisola di Crimea alla Russia, è stata camuffata da rotoli di pellicola per lavori edilizi e montata su 22 pallet. Il carico sarebbe stato inviato all'inizio di agosto dal porto di Odessa alla Bulgaria, con la complicità di cittadini ucraini, georgiani e armeni. Dalla Bulgaria, passando per il porto georgiano di Poti è arrivato in Armenia dove è poi stato sdoganato il 3 ottobre. Su un camion registrato in Georgia, il carico ha attraversato il confine russo-georgiano il 4 ottobre, il 6 ottobre è stato poi scaricato a Krasnodar in Russia.

Il 7 ottobre, dopo una modifica dei documenti, i rotoli di pellicola sono stati inviati a una società inesistente in Crimea, sul camion del cittadino russo Makhir Yusubov, che già il giorno dell'attentato era stato individuato come il conducente del mezzo esploso. L'8 ottobre, alle 6:30 del mattino (ora locale), il camion è saltato in aria mentre attraversava il ponte di Kerch

L'intelligence ucraina: "Sciocchezze"

Il portavoce della direzione principale dell'intelligence militare ucraina, Andrei Yusov, ha bollato come "sciocchezze" le accuse mosse dai servizi segreti e dagli inquirenti russi secondo cui la mente dell'attentato al ponte di Kerch, in Crimea, è il capo degli 007 del ministero della Difesa ucraino, Kirill Budanov. Lo riportano i media locali.