I leader di tutte religioni condannano l'attacco alla chiesa in Nigeria

I leader di tutte religioni condannano l'attacco alla chiesa in Nigeria

Secondo l'associazione islamica Muslim Rights Concern, MURIC "è il modus operandi di Boko Haram"

Nigeria leader di tutte religioni condannano attacco a chiesa

© OLUKAYODE JAIYEOLA / NURPHOTO / NURPHOTO VIA AFP - Nigeria, Polizia

AGI - Non si hanno ancora informazioni su chi abbia perpetrato il massacro nella chiesa di San Francesco di Owo, nello Stato di Ondo (nel sud-ovest della Nigeria), avvenuto domenica 5 giugno. Lo riferiscono fonti della Chiesa locale contattate dall'Agenzia Fides, secondo le quali "non si sa ancora se chi ha commesso questo atto barbaro sia tra gli appartenenti a Boko Haram, a gruppi di pastori Fulani o a banditi. Quello che sappiamo è che prima di colpire i fedeli con armi da fuoco all'interno e all'esterno dell'edificio di culto, c'è stata un'esplosione nei pressi della chiesa".

Le fonti affermano che "il bilancio delle vittime, tra morti e feriti, è ancora difficile da stabilire". Le strutture sanitarie locali hanno lanciato appelli per la donazione del sangue.

Secondo l'associazione islamica Muslim Rights Concern, MURIC, "l'attacco alla chiesa di San Francesco è una prova indubbia dell'esistenza di Boko Haram nel sud-ovest dopo la loro penetrazione negli Stati del Niger e di Kogi", perchè "è il modus operandi di Boko Haram. Avvertiamo che le moschee e altre chiese potrebbero essere i prossimi obiettivi perchè è così che sono iniziati gli attacchi al Nord.

Chiediamo quindi protezione per tutte le chiese e le moschee della regione" si legge in un comunicato dell'Associazione islamica che opera per la pacifica convivenza tra le diverse fedi in Nigeria. MURIC "condanna fermamente questo atto di aggressione del tutto gratuita" definendolo "disumano, atroce, orribile e orrendo" e chiede "l'arresto immediato e il perseguimento degli aggressori".

In una dichiarazione rilasciata domenica 5 giugno, Sua Ecc. Mons. Lucius Ugorji Arcivescovo eletto di Owerri e Presidente della Conferenza episcopale cattolica della Nigeria (CBCN) afferma di "aver ricevuto la notizia del sanguinoso attacco scatenato contro fedeli innocenti con grande turbamento e tristezza".

"Nessun posto sembra essere di nuovo al sicuro nel nostro Paese; nemmeno i sacri recinti di una chiesa. Condanniamo con la massima fermezza lo spargimento di sangue innocente nella Casa di Dio" afferma Mons. Ugorji.

"I criminali responsabili di un atto così sacrilego e barbaro, dimostrano la loro mancanza del senso del sacro e del timore di Dio" prosegue il Presidente della CBCN, che richiama le autorita' nigeriane al loro dovere di difendere la popolazione: "Chiediamo al governo di dar loro la caccia e portarli di fronte alla giustizia. Se il governo non dovesse agire con decisione su una questione così grave, farebbe cadere la nostra nazione nell'anarchia".