Osman Kavala, il filantropo inviso a Erdogan

Osman Kavala, il filantropo inviso a Erdogan

È presto diventato un attore chiave in Turchia per la difesa dei diritti umani. Nel 2002 ha fondato Anadolu Kultur (Cultura Anatolica), affiancato da una squadra di accademici, artisti, imprenditori ed esponenti della società civile

osman kavala filantropo nemico erdogan turchia

Il filantropo turco, Osman Kavala

AGI - Osman Kavala (1957), il filantropo tanto inviso al presidente turco Recep Tayyip Erdogan, inizia 40 anni fa, appena laureato, a dividersi tra la gestione degli affari del gruppo Kavala appartenente alla propria famiglia, senza mai perdere di vista la passione per l'impegno civile e la promozione dei diritti umani in un Paese reduce dal violento golpe militare del 1980.

Il primo passo di Kavala è una risposta all'atmosfera di paura che l'esercito aveva instaurato in Turchia: contribuisce a fondare la casa editrice Iletisim nel 1983, con l'obiettivo dichiarato di portare avanti un processo di democratizzazione in un Paese devastato.

In seguito al terribile terremoto che nel 1999 devasta Kocaeli e uccide, e distrugge anche a Istanbul, Osman Kavala abbandona il consiglio di amministrazione degli affari di famiglia per dedicarsi a tempo pieno alla società civile, promuovendo e finanziando migliaia di iniziative e progetti di divulgazione artistica e di diritti umani, spesso improntati al dialogo tra culture.

La cultura anatolica

Kavala in poco tempo diviene un attore chiave in Turchia e nel 2002 fonda Anadolu Kultur (Cultura Anatolica), affiancato a una squadra di accademici, artisti, imprenditori ed esponenti della società civile.

L'obiettivo dichiarato è favorire produzione, divulgazione e condivisione dell'arte e cultura turca, sostenere iniziative locali, rafforzare le collaborazioni e contatti a livello internazionale per favorire l'incontro tra correnti e culture diverse. Come scrive nel manifesto 'creare una società con la cultura della Pace'.

Tra le iniziative figurano la creazione dei centri artistico di Diyarbakir, la più grande città curda della Turchia e di Kars, località da sempre crocevia delle culture turca e armena, entrambi divenuti negli anni punti di riferimento e diffusione delle culture di regioni lontanissime dalle metropoli di Istanbul e Ankara.

Nel 2010 durante i negoziati per l'ingresso della Turchia nell'Unione Europea Anadolu Kultur ha focalizzato il proprio impegno per creare relazioni, gemellaggi e scambi tra città europee e turche al fine di creare ponti culturali e dare una ulteriore spinta a un processo che all'epoca sembrava potesse andare a buon fine.

Le iniziative umanitarie

La filantropia di Kavala non ha trovato la propria forma di espressione solo in ambito artistico, ma anche umanitario, attraverso il finanziamento di progetti per l'accesso e il diritto allo studio per le fasce sociali più deboli ed emarginate o isolate nelle lontane province anatoliche.

Tra questi progetti il sostegno agli sfollati del tremendo terremoto che ha colpito la citta di Van nel 2011 e i programmi di sostegno ai rifugiati yazidi e siriani, vittime dell'Iss e della guerra in Siria.

La sua carcerazione ha lasciato una sedia vacante in numerosissimi consigli di amministrazione di fondazioni, organizzazioni non governative e tavoli organizzati dalla società civile. Queste ultime private, insieme a tutta la Turchia, di un personaggio che per 37 anni, fino alla carcerazione, ha lavorato senza sosta per favorire il dialogo tra culture e portare la gente a guardare oltre gli innumerevoli conflitti che da sempre agitano la politica e la società turca.