Aung San Suu Kyi riappare dopo un mese, "è in buona salute"

Aung San Suu Kyi riappare dopo un mese, "è in buona salute"

Al via il processo alla leader birmana, deposta lo scorso 1 febbraio da un colpo di stato militare. Sempre più dura la repressione delle proteste:  almeno18 morti solo domenica

myanmar golpe manifestanti uccisi suu kyi 

© AFP - Aung San Suu Kyi

AGI - Riappare dopo un mese Aung San Suu Kyi, leader di fatto del governo civile birmano deposto da una giunta militare lo scorso 1 febbraio. Suu Kyi è comparsa in videoconferenza di fronte a un tribunale di Naypyidaw, che la ha incriminata oggi per violazione di una legge sulle telecomunicazioni e "incitazione al disordine pubblico". Lo riferisce Nay Tu, il legale che sta difendendo la politica settantacinquenne nella prima udienza di un processo ritenuto una farsa dalla maggior parte della comunità internazionale.

La Nobel per la pace era già imputata per possesso illegale di walkie talkie e violazione delle norme di distanziamento sociale durante una manifestazione. Di Suu Kyi non si avevano notizie dal 1 febbraio, quando era stata arrestata insieme ad altre centinaia di politici dai militari che hanno preso il potere. Detenuta in una località segreta, probabilmente nella capitale Naypyidaw, Suu Kyi è apparsa "in buona salute", secondo ha quanto riferito un altro suo legale, Khin Maung Zaw.

L'esercito ha giustificato il colpo di stato, che ha posto fine a dieci anni di fragile democrazia, con l'accusa di presunte frodi di alle elezioni dello scorso novembre, vinte in modo schiacciante dalla Lega nazionale per la democrazia, il partito di Suu Kyi. Nelle scorse settimane centinaia di migliaia di persone sono scese in piazza per chiedere il ripristino del governo civile ma la giunta ha represso le manifestazioni con crescente violenza. Solo nella giornata di ieri, secondo le Nazioni Unite, almeno 18 dimostranti sono stati uccisi a colpi d'arma da fuoco.