Nemtsov: inquirenti, "Sono stati due ceceni, nessun mandante"

(AGI) - Mosca, 10 mar. - Per gli inquirenti russi l'assassiniodi Boris Nemtsov e' stato ideato ed eseguito da due ex membridel battaglione speciale ceceno "Sever" (Nord), il reo confessoZaur Dadayev e Beslan Shavanov, fattosi esplodere prima dellacattura a Grozny. A scriverlo e' la testata Rosbalt, citandouna fonte nelle forze dell'ordine secondo cui l'omicidio fudeciso dai due agenti musulmani per vendicare il sostegno delleader dell'opposizione russa ai vignettisti "blasfemi" diCharlie Hebdo. Secondo gli inquirenti non ci sarebbero quindi mandanti per l'omicidio del 27 febbraio. La fonte che ha diffuso questaversione e'

(AGI) - Mosca, 10 mar. - Per gli inquirenti russi l'assassiniodi Boris Nemtsov e' stato ideato ed eseguito da due ex membridel battaglione speciale ceceno "Sever" (Nord), il reo confessoZaur Dadayev e Beslan Shavanov, fattosi esplodere prima dellacattura a Grozny. A scriverlo e' la testata Rosbalt, citandouna fonte nelle forze dell'ordine secondo cui l'omicidio fudeciso dai due agenti musulmani per vendicare il sostegno delleader dell'opposizione russa ai vignettisti "blasfemi" diCharlie Hebdo. Secondo gli inquirenti non ci sarebbero quindi mandanti per l'omicidio del 27 febbraio. La fonte che ha diffuso questaversione e' probabilmente la stessa che sta fornendoanticipazioni al giornale da quando, nel fine settimana, sonoiniziati gli arresti di ceceni sospettati per l'omicidio. "Studiando le prove che ora si hanno del caso, le testimonianzee anche la deposizione del principale imputato, si puo' trarreuna chiara conclusione: l'omicidio di Nemtsov e' avvenuto suiniziativa personale di Dadayev e Shavanov, che non avevanonessun mandante", ha riferito la fonte al Rosbalt. A suo dire,ufficialmente non si lavora sulla versione che gli excombattenti del battaglione formato nel 2006 dal leader cecenoRamzan Kadyrov (poi inquadrato nelle forze del ministero degliInterni russo) abbiano eseguito l'assassinio 'su commissione';al momento non ci sarebbero elementi concreti e oggettivi persostenere questa ipotesi. "Si sta esaminando tutto il giro deicontatti di Dadayev e Shavanov, compresi i ceceni che vivonoall'estero", ha detto la fonte, comunque ribadendo la certezzache "e' stato programmato tutto in due". Dadayev, definito da Kadyrov un "patriota della Russia" eun "devoto" musulmano, avrebbe agito in reazione ai commentinegativi sull'islam pronunciati da Nemtsov dopo la strage aCharlie Hebdo. In realta' il politico aveva parlato di"inquisizione islamica medievale" e aveva espresso solidarieta'alle vittime, ma senza esporsi piu' di tanto. Aveva, invece,duramente condannato la reazione del leader ceceno, che avevalanciato aperte minacce ai giornalisti, che sostenevano laliberta' di pubblicare le vignette su Maometto. "Hanno decisodi agire per vendicarsi delle dichiarazioni critiche (diNemtsov) e anche per aumentare la loro autorita' tra gliabitanti del Caucaso del Nord, in particolare Cecenia eInguscezia", ha scritto Rosbalt citando la fonte.La teoria che gli arrestati (sette in tutto) abbiamo deciso diuccidere l'oppositore per le sue posizioni dopo l'attentato aParigi e' stata riferita anche a Kommersant da altre fontivicine alle indagini, secondo le quali ai killer non piacevanoneppure le forti critiche che Nemtsov muoveva alla leadershipdella Federazione russa e della Repubblica cecena. PerKommersant, comunque, l'inchiesta non esclude ancora la pistadella 'provocazione', voluta alla vigilia della manifestazioneanti-crisi dell'opposizione, convocata per il primo marzo e poitrasformatasi in marcia funebre. La versione della 'vendetta islamica', pero', continua aessere guardata con scetticismo in Russia non solo daicollaboratori di Nemtsov, ma anche da esperti e analisti.Sarebbe stato impossibile per un semplice gruppo di radicaliislamici portare a termine un'esecuzione cosi' precisamentecalcolata di una figura politica cosi' di rilievo nel cuore diMosca, ha detto al Moscow Times uno dei massimi esperti diintelligence russa, Andrei Soldatov. "Anche se queste persone sono veramente responsabili delcrimine, rappresentano solo il gradino piu' basso di tutto loschema generale", ha aggiunto, spiegando che gli assassinisapevano che Nemtsov avrebbe lasciato libero il suo autistaquella sera per fare una passeggiata con la fidanzata esapevano esattamente quando aspettarlo, mentre attraversava ilponte verso casa. L'autista che ha portato poi via dal luogodel crimine l'assassino, doveva sapere esattamente quandosarebbero partiti i colpi per riuscire a prendere e portare viail killer in macchina, visto che nella zona per motivi disicurezza non si puo' parcheggiare. A detta di Soldatov, legarel'omicidio politico piu' grave degli ultimi 20 anni in Russia aKadyrov puo' essere un metodo conveniente per impedire che leindagini arrivino a livelli piu' alti. (AGI).