M. O.: tensione altissima, a Italia carta diplomazia

(AGI) - Roma - Il Medio Oriente e' a un passo dallaguerra, ma a frenare sono tutti: da un lato Israele, dall'altro  [...]

(AGI) - Roma, 3 lug. - Il Medio Oriente e' a un passo dallaguerra, ma a frenare sono tutti: da un lato Israele, dall'altroAutorita' nazionale palestinese e Hamas, mentre l'Italia, cheguida i Ventotto, indica spazi per un'iniziativa diplomaticaeuropea. E' tensione altissima nella regione dopo l'ondata divendette, scontri e raid aerei seguiti all'uccisione dei tregiovani seminaristi ebrei ritrovati morti a Hebron. Nella nottesono stati lanciati altri 15 razzi da Gaza verso il sud diIsraele, che ha risposto con una serie di bombardamenti in cuisono rimasti feriti 11 palestinesi. Tra gli obiettivi colpitici sono tre campi di addestramento di Hamas, ha reso noto ilmovimento islamista. Oggi Israele ha cominciato a rafforzare il frontemeridionale al confine con la Striscia di Gaza, in una manovradifensiva in risposta al continuo lancio di razzi dall'enclavepalestinese. Il portavoce dell'esercito, il tenente colonnelloPeter Lerner, ha spiegato che le truppe stanno prendendo"posizioni difensive" nelle comunita' israeliane colpite dairazzi, senza specificare la portata della manovra. I rinforziinviati, ha aggiunto, sono riservisti "al livello del quartiergenerale, e non sul campo". "Tutto quello che stiamo facendo e'per una de-escalation della situazione ma dall'altra parte peressere preparati se non avviene". Israele non ha "nessuninteresse ad approfondire il conflitto con Gaza, e' verol'opposto". A Gerusalemme sembra per ora ritornata la calma, dopo idisordini protrattisi fino alla serata di mercoledi', ma sulsud continuano a piovere i razzi dalla Striscia: oggi ne sonostati sparati almeno 21, e un soldato israeliano e' rimastoferito a Eshkol. Le forze di sicurezza israeliane hannoarrestato 13 palestinesi in varie localita' della Cisgiordania,nell'ambito delle ricerche dei due presunti autoridell'assassinio degli studenti ebrei. Nel corso dell'operazionesono anche stati chiusi due centri legati ad Hamas, ilmovimento islamista che Israele ritiene responsabile dellastrage. Dai locali di un centro di propaganda e assistenza delmovimento islamista situato nell'area di Beit Kahil, vicino alluogo dove sono stati ritrovati i cadaveri, sono statiprelevati materiale informatico e documenti. Mentre sisvolgevano le operazioni, gli abitanti della zona hannolanciato pietre. In attesa dell'esito dell'autopsia, e' stato rinviato ilfunerale dell'adolescente palestinese ucciso mercoledi'all'alba in una sospetta vendetta per l'assassinio di tregiovani israeliani. "Il corpo era cosi' gravemente bruciato danon essere riconoscibile", ha fatto sapere Muhannad Jbara,avvocato della famiglia del 17enne Muhammad Abu Khder, inattesa di avere la conferma dalla perizia. Alla procedura, chesi tiene all'Israel's Abu Kabir Forensic Institute, partecipaanche un coroner palestinese. Intanto, la polizia israeliana ha istituito un cordone disicurezza a Shuafat, dove viveva il ragazzo, nel timore dinuovi scoppi di violenza dopo i risultati dell'autopsia incorso. Testimoni hanno riferito che il giovane e' stato fattosalire a forza su una Honda civic da "due israeliani" con unterzo alla guida, fuggiti via a grande velocita', riuscendo aseminare due macchine che si erano lanciate all'inseguimento. La carta della diplomazia e' affidata all'Italia, che apreil semestre di presidenza europea in un quadro segnato dainstabilita' nella regione mediorientale. C'e' spazio perun'iniziativa europea, ha detto il ministro degli Esteri,Federica Mogherini, nel corso di un'audizione in Parlamento. . Secondo la Mogherini, l'Ue si puo' fare promotrice diun'iniziativa di pace sul conflitto che faccia leva"sull'interesse alla stabilita' dei grandi attori regionali";un'iniziativa che sara' "in stretta connessione con quellaamericana che pero' ora e' in una fase di pausa". La Mogheriniha ricordato che, nella sua fitta agenda di viaggio, lamissione in Medio Oriente e' la seconda in programma, proprionel mese di luglio (subito dopo la 'tre giorni' tra Kiev eMosca): "La visita -ha osservato- era stata programmata conlargo anticipo rispetto alla crisi attuale", a conferma che cideve essere una capacita' di "vedere i conflitti prima chediventino esplosivi". Le aree di maggiore crisi geopoliticaattuali solo proprio ai confini dell'Ue (dall'Ucraina allaSiria, passando per Nordafrica e Medio Oriente), "quindi c'e'una responsabilita' diretta su cui dobbiamo riuscire aconcentrarci". .