Il nuovo albergo a Betlemme firmato da Banksy. Con vista sul muro

L'artista britannico ha lanciato il Walled Off Hotel nella città palestinese, che si trova accanto alla controversa barriera tra Israele e Cisgiordania

Il nuovo albergo a Betlemme firmato da Banksy. Con vista sul muro
The Walled off Hotel / Banksy  

C'è un nuovo albergo a Betlemme, The Walled Off Hotel, l'ultima 'creazione' del misterioso artista britannico Banksy. Il suo coinvolgimento salta agli occhi immediatamente guardando i murales dipinti nelle stanze, quella street art che lo ha reso famoso in tutto il mondo.

E non manca la sua consueta ironia, come quando scherza sulla "peggiore vista al mondo" che si ha dall'albergo, costruito accanto al contestato muro di divisione tra Israele e Territori palestinesi. 

Non una performance artistica ma un vero e proprio business

Non si tratta di una performance artistica sui generis ma di un vero e proprio business: l'albergo, già presentato alla stampa, l'11 marzo aprirà al pubblico, mettendo sul mercato le sue 9 stanze più la suite. 

Clicca sulla gallery per scorrere le immagini fullscreen con le didascalie

photogallery
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00
  • L'albergo a Betlemme vista muro di Banksy

    03 marzo 2017, 15:00

Banksy non è nuovo a Betlemme: l'aveva frequentata già nel 2005 e nel 2007, dipingendo alcune delle sue opere più note sul muro di divisione tra Israele e Territori palestinesi. Tanto da diventare un'attrazione internazionale per i turisti che si recano a visitare la città della natività.

Aiutare il dialogo tra israeliani e palestinesi

Anche questa volta, l'artista vuole cercare di aiutare il dialogo tra le due popolazioni. In particolare, l'obiettivo è richiamare in città i giovani israeliani, dando loro la possibilità di gettare un occhio su una realtà a loro pressoché sconosciuta. Per ovviare al divieto che gli impedisce di recarsi nella città palestinese, l'hotel è situato nella zona sotto il controllo israeliano, accanto alla controversa barriera. E negli spazi comuni verranno anche organizzate delle mostre di artisti palestinesi, un modo per far conoscere la cultura ma anche dare loro la possibilità di far circolare le opere.