Grecia: Ue, progressi non bastano; Varoufakis, rispetteremo impegni

(AGI) - Amsterdam, 4 giu. - Il presidente dell'Eurogruppo,Jeroem Dijsselbloem ritiene che le differenze tra la Grecia e isuoi creditori sono "ancora piuttosto larghe" e si aspetta cheAtene nei prossimi giorni presenti delle alternative. Inegoziati conclusi ieri sera a Bruxelles hanno rappresentantoun "successo, evidenziando i problemi da risolvere". Inoltreavverte Atene che rischia di rendere impossibile un accordo sese continuera' ad escludere troppe aree di riforma, aggiungendoche le modifiche al sistema previdenziale "resta sul tavolo"della discussione. Anche il presidente della commissione Ue,Jean Claude Juncker, fa sapere che nel negoziato per la

(AGI) - Amsterdam, 4 giu. - Il presidente dell'Eurogruppo,Jeroem Dijsselbloem ritiene che le differenze tra la Grecia e isuoi creditori sono "ancora piuttosto larghe" e si aspetta cheAtene nei prossimi giorni presenti delle alternative. Inegoziati conclusi ieri sera a Bruxelles hanno rappresentantoun "successo, evidenziando i problemi da risolvere". Inoltreavverte Atene che rischia di rendere impossibile un accordo sese continuera' ad escludere troppe aree di riforma, aggiungendoche le modifiche al sistema previdenziale "resta sul tavolo"della discussione. Anche il presidente della commissione Ue,Jean Claude Juncker, fa sapere che nel negoziato per la Greciasono stati "fatti dei progressi ma per l'Unione europea sonoancora insufficienti". Juncker ne a parlato con il cancellieretedesco, Angela Merkel e "sentira' oggi anche FrancoisHollande". Intanto il ministro delle Finanze greco, YanisVaroufakis, si dice pronto a rispettare tutti gli impegnirispondendo a chi gli chiede se Atene effettuera' il pagamentoda 300 milioni di euro al Fmi in scadenza domani. "Comeministro delle Finanze - dice Varoufakis alla radio - non possoche rispendere a questa domanda sostenendo che lo stato grecointende sempre rimborsare tutti i suoi creditori". Il ministrodi oppone "con fermezza" alla privatizzazione della Ppc, laprima utility elettrica del paese. Varoufakis, inoltre, nonvede "assolutamente nessuna ragione per indire elezionianticipate". "La gente - dice Varoufakis - ha dato al nostrogoverno un chiaro mandato". Intanto il premier greco, AlexisTsipras, il presidente Ue, Jean-Claude Juncker e quellodell'Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem si incontreranno di nuovonei prossimi giorni per cercare di definire la cornice di unaccordo sul debito greco. Lo rende noto il portavoce dellacommissione Ue, Margaritis Schinas. "Non posso confermare -dice - una data specifica, ma confermo che sara' un nuovoincontro nei prossimi giorni". L'impegno e' quello di trovare"un'intesa complessiva a livello di bilancio e a livellosociale in modo da far si' che la Grecia possa migliorare lasua situazione economica e tornare rapidamente alla crescita eall'occupazione". .