Gb: deputato accusa Farage, "soldi Ue in campagna contro Ue"

(AGI) - Londra, 5 ott. - Nigel Farage, leader dell'Ukipbritannico e alleato del Movimento Cinque Stelle italiano aBruxelles, e' stato accusato di aver usato soldi provenientidall'Unione europea per portare avanti campagne contro lastessa Ue. Lo ha scritto il Daily Mail, spiegando come ilparlamentare laburista Wes Streeting abbia scritto alpresidente dell'assemblea, Martin Schulz, accusando appuntoFarage di aver utilizzato fondi destinati al suo gruppo perfinanziare discorsi e tour nel Regno Unito e fare "propaganda"contro le istituzioni di Bruxelles. Il Daily Mail sottolineacome proprio in questi giorni Farage sia in viaggio in Gran

(AGI) - Londra, 5 ott. - Nigel Farage, leader dell'Ukipbritannico e alleato del Movimento Cinque Stelle italiano aBruxelles, e' stato accusato di aver usato soldi provenientidall'Unione europea per portare avanti campagne contro lastessa Ue. Lo ha scritto il Daily Mail, spiegando come ilparlamentare laburista Wes Streeting abbia scritto alpresidente dell'assemblea, Martin Schulz, accusando appuntoFarage di aver utilizzato fondi destinati al suo gruppo perfinanziare discorsi e tour nel Regno Unito e fare "propaganda"contro le istituzioni di Bruxelles. Il Daily Mail sottolineacome proprio in questi giorni Farage sia in viaggio in GranBretagna per spingere i britannici a votare a favore della'Brexit', l'uscita del Regno Unito dal recinto comunitario, alreferendum che e' stato promesso dal premier conservatore DavidCameron e che si terra' nel 2017 o anche gia' nel 2016. Sempreil tabloid londinese racconta come Streeting abbia chiesto aSchulz se questo utilizzo costituisca un mancato rispetto delleregole comunitarie. Secondo un portavoce del gruppo del quale fa parte anchel'Ukip, "l'Unione europea e i gruppi politici spendono miliardiin propaganda a favore dell'Ue. Non si possono lamentare sealcuni europarlamentari regolarmente eletti apportano nuovaconoscenza nel dibattito su come funzioni l'Unione europea. Epoi -ha concluso il portavoce- non esiste un vero 'denarodell'Ue': quello che viene dal Regno Unito arriva daicontribuenti, molti dei quali sono euroscettici e meritano diessere rappresentati". (AGI).