Filippine: svizzero uccide carceriere e sfugge a Abu Sayyaf

(AGI) - Jolo (Filippine), 6 dic. - Un cittadino svizzero rapitoda Abu Sayyaf tre anni fa nel sud delle Filippine e' riuscito ascappare dopo aver ucciso un carceriere durante uno scontro trai miliziani islamisti e l'esercito sull'isola di Jolo. Secondoquanto riferito dalle forze di sicurezza, Lorenzo Vinciguerra,47 anni, originario di Chiavenna e appassionato di ornitologia,e' stato preso in consegna dai soldati di Manila ed e' statoportato in un luogo sicuro. Ma prima di mettersi in salvo c'e'stato un drammatico combattimento con il miliziano che loteneva in custodia: l'uomo lo ha colpito

(AGI) - Jolo (Filippine), 6 dic. - Un cittadino svizzero rapitoda Abu Sayyaf tre anni fa nel sud delle Filippine e' riuscito ascappare dopo aver ucciso un carceriere durante uno scontro trai miliziani islamisti e l'esercito sull'isola di Jolo. Secondoquanto riferito dalle forze di sicurezza, Lorenzo Vinciguerra,47 anni, originario di Chiavenna e appassionato di ornitologia,e' stato preso in consegna dai soldati di Manila ed e' statoportato in un luogo sicuro. Ma prima di mettersi in salvo c'e'stato un drammatico combattimento con il miliziano che loteneva in custodia: l'uomo lo ha colpito alla guancia con unmachete, ma Vinciguerra non si e' perso d'animo ed e' riuscitoad avere la meglio, molto probabilmente sottraendo l'arma alsuo carceriere e colpendolo mortalmente. Il miliziano avevaanche tentato di impedirgli la fuga esplodendosgli contro deicolpi d'arma da fuoco, probabilmente prima di morire. - Imilitari filippini hanno diffuso delle foto in cui si vedeVinciguerra molto probabilmente in un ospedale, avvolto dafasce e bende. Vinciguerra era stato rapito insieme ad uncittadino landese, Elwod Horn, nella vicina provincia diTawi-Tawi. Non e' ancora chiaro cosa sia successo all'ostaggioolandese: secondo fonti militari filippine, Vinciguerra hacercato di incitarlo a fuggire urlandogli di mettersi in salvodurante lo scontro a fuoco, ma il suo compagno di prigionia eratroppo malato e debole per riuscire a scappare da solo. (AGI)