Facebook: antitrust Dublino indaga su trasferimento dati in Usa

(AGI) - Dublino, 20 ott. - L'autorita' Antitrust irlandeseannuncia di aver avviato un'indagine sul trasferimento negliUsa dei dati degli utenti europei di Facebook. L'inchiestaparte dalla denuncia di Max Schrems, uno studente di leggeaustriaco, che e' ricorso alle autorita' di Dublino perche' lasocieta' Usa ha il suo quartier generale europeo in Irlanda.Inizialmente l'Antitrust non aveva aderito alla richiesta dellostudente, ma ora torna sui suoi passi, dopo il pronunciamentodella Corte di Giustizia europea la quale ha ha stabilito chegli Usa non garantiscono un livello di protezione adeguato deidati personali europei. Max Schrems,

(AGI) - Dublino, 20 ott. - L'autorita' Antitrust irlandeseannuncia di aver avviato un'indagine sul trasferimento negliUsa dei dati degli utenti europei di Facebook. L'inchiestaparte dalla denuncia di Max Schrems, uno studente di leggeaustriaco, che e' ricorso alle autorita' di Dublino perche' lasocieta' Usa ha il suo quartier generale europeo in Irlanda.Inizialmente l'Antitrust non aveva aderito alla richiesta dellostudente, ma ora torna sui suoi passi, dopo il pronunciamentodella Corte di Giustizia europea la quale ha ha stabilito chegli Usa non garantiscono un livello di protezione adeguato deidati personali europei. Max Schrems, il giovane studente che sta facendo tremare ilcolosso Usa, sostiene nella sua tesi di laurea, scritta nel2011, che Facebook viola in molti modi la privacy dei suoiclienti e non rispetta le leggi europee, non cancellando letantissime informazioni private di cui e' entrata in possessonemmeno quando i clienti si cancellano dal social network ecollaborando con il programma di schedatura Prism della Nsa.Successivamente Schrems e' entrato in contatto con un gruppo diattivisti che si occupano della tutela dei dati sul web e lasua ricerca e' stata divulgata sul sito online del gruppo. Aquesto punto e' iniziata la battaglia legale contro Facebook,che passa per le mani della Corte di Giustizia europea e oraper quelle dell'Alta Corte irlandese. E' quest'ultima a doverdecidere l'eventuale sospensione dei dati dei clienti europeidi Facebook negli Usa. Dopo la sentenza del Lussemburgo, ilgiudice irlandese dell'Alta Corte, Gerard Hogan ha obbligatol'Antitrust di Dublino a indagare e oggi l'istituto ha fattosapere di aver avviato l'inchiesta. (AGI).