Chernobyl, regione russa piu' colpita e' ancora a rischio

Chernobyl, regione russa piu' colpita e' ancora a rischio
tecnici Chernobyl (afp) 

Mosca - Anche la Russia si prepara a commemorare il 30esimo anniversario del disastro nucleare alla centrale di Chernobyl, in Ucraina. A Bryansk, nella regione piu' vicina alla catastrofe e l'unica in Russia - secondo rapporti ufficiali - dove le radiazioni superano i livelli di sicurezza, autorita', forze dell ordine, clero e cittadini si riuniranno questa mattina al monumento alle vittime del disastro e verranno lanciati in cielo 200 palloncini bianchi. Dopo l incidente al famigerato reattore numero 4 di Cernobyl, solo in Russia oltre 1,5 milioni di persone viveva in 14 differenti regioni dichiarate ufficialmente contaminate. Un tempo, zona piuttosto prospera dal punto di vista agricolo, Bryansk - al confine con Ucraina e Russia - e' l unica regione ad avere un esposizione alle radiazioni piu' alta degli standard di sicurezza, secondo il ministero delle Emergenze russe. A oggi, sono ritenuti contaminati 745 insediamenti, di cui 26 sono classificati nella zona di evacuazione.Secondo Greenpeace, "la radiazione a Bryansk colpisce ogni aspetto della vita delle persone: il cibo che si mangia, il latte e l acqua che si beve, i parchi dove i bambini giocano e il legno che si brucia nelle stufe di casa". Si allevano animali e si coltivano ortaggi in terre contaminate , ha denunciato l associazione ecologista, i cui test hanno mostrato che molti campioni di funghi, pesci e bacche selvatiche contengono quantita' di Cesio-137 molto al di sopra dei livelli permessi. Nei funghi e nella carne di animali selvatici la radiazione puo' superare anche 100 volte i limiti concessi. Vi e', inoltre, un serio rischio che il legno radioattivo venga distribuito in altre regioni della Russia, se non addirittura all estero. Incendi di torbiere e foreste accadono ogni anno nella regione di Bryansk, soprattutto intorno a Novozybkov, riclassificata solo l anno scorso da zona di evacuazione a zona dove e' permesso vivere. Le sostanze radioattive si diffondono nell aria e possono essere trasportate dai venti fino a lunghe distanze, causando contaminazione da Cesio-137 e Stronzio-90. I vigili del fuoco impegnati nell estinzione delle fiamme non vengono poi sottoposti ad adeguati controlli sulle dose di radiazioni assorbite.

Le conseguenze di Cernobyl sulla salute della popolazione di queste terra sono ancora gravi: cancri al seno e alla tiroide, malattie del sistema cardiovascolare, disabilita' tra i bambini sono molto piu' diffusi nelle aree contaminate. Lo Stato interviene in minima parte, ha fatto notare Greenpeace: il controllo sui prodotti alimentari e' minino, come pure il sostegno economico e sociale previsto per le persone malate; non vi sono fondi per il monitoraggio e l attuazione delle misure di sicurezza. Allo stesso tempo, le autorita' premono per ridurre la lista delle zone ufficialmente contaminate per far tornare quelle terre all uso agricolo. Nella regione di Bryansk, il numero di insediamenti inclusi nella zona di evacuazione e' stato ridotto da 202 a 26, cosa che per la popolazione interessata comporta anche la perdita dei gia' bassi sussidi e benefici sociali. Commemorazioni di diverso genere per l anniversario di Cernobyl si terranno in tutta la Russia, che insieme all Ucraina e alla Bielorussia sono stati paesi piu' colpiti da quello che ancora si ritiene il piu' grave incidente della storia del nucleare civile. (AGI)