L'inferno della California si è mangiato anche la casa di Charlie Brown 

L'abitazione in cui Charles M. Schulz ha vissuto fino alla morte nel 2000 è ridotta in cenere. Distrutti i memorabilia, ma salvi i disegni

L'inferno della California si è mangiato anche la casa di Charlie Brown 
Dal tetto della sua cuccia Snoopy scuoterebbe la testa desolato. Ammesso che anche la cuccia non sia stata divorata dalle fiamme. La casa di Charlie Brown è ridotta in cenere: distrutta dai roghi che stanno devastando la California settentrionale
La casa di Santa Rosa dove Charles M. Schulz, creatore delle amate strisce dei Peanuts, ha vissuto per 40 anni, fino alla morte nel 2000, è stata tra le prime a bruciare. La vedova di Schulz, 78 anni, è sfuggita alle fiamme e sta vive con il figlio.
L'inferno della California si è mangiato anche la casa di Charlie Brown 
"Tutti i suoi memorabilia sono perduti, ha detto il figliastro Monte". Fortunatamente, la maggior parte dei disegni originali di Schulz e delle strisce sono conservate nel Museo e nel Centro di Ricerca  Charles M. Schulz a Santa Rosa. Il museo è attualmente chiuso a causa degli incendi, ma finora non è interessato dai roghi.


Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it