Quando la cortesia è di Stato: Bulgaria, "grazie" ai turisti con cartolina postale

Il Ministero del Turismo ne spedirà 400 mila a chi ha trascorso le vacanze nel Paese

Quando la cortesia è di Stato: Bulgaria, "grazie" ai turisti con cartolina postale
BIBIKOW Walter / Hemis.fr / hemis.fr / Hemis / AFP 
Bulgaria, Sofia, Piazza Nezavisimost (Afp)
 

Grazie per averci scelto...: si qualifica, la Bulgaria, come lo Stato più cortese verso i visitatori. Ringrazierà difatti 400 mila fra i turisti che quest'anno l'hanno visitata con una cartolina individuale. Quattrocentomila, quindi, ne saranno spedite per posta all'indirizzo di chi è stato nel Paese, per iniziativa del ministro del Turismo Nikolina Angelkova.

Quando la cortesia è di Stato: Bulgaria, "grazie" ai turisti con cartolina postale
 CHRISTIAN KOBER / ROBERT HARDING PREMIUM / ROBERTHARDING /AFP
Bulgaria, tomba di kazanlak (Afp)

Sulle cartoline sarà scritto "Thank you for choosing Bulgaria" e saranno illustrate con le immagini di due tra i siti più significativi del Paese: la tomba trace di Kazanlak e il monastero ortodosso di Rila. Il primo monumento, del IV secolo avanti Cristo, è classificato dal 1979 fra i patrimoni dell'umanità dell'Unesco ed è ammirato specialmente per i dipinti murari di epoca ellenistica. Il secondo, fondato da san Giovanni di Rila nel X secolo e costruito dai suoi discepoli, è entrato anch'esso nella lista dei patrimoni Unesco.

La Bulgaria, che conta una popolazione di sette milioni e centomila abitanti, sta registrando un balzo del turismo che provvede di ossigeno l'economia nazionale. Da gennaio a luglio scorso, i visitatori stranieri sono ammontati a cinque milioni con un incremento tendenziale del 7,2%.

Quando la cortesia è di Stato: Bulgaria, "grazie" ai turisti con cartolina postale
 BIBIKOW WALTER / HEMIS.FR / HEMIS.FR / HEMIS / AFP
 Bulgaria, monastero di Rila (Afp)

I 400 mila destinatari delle cartoline saranno scelti a caso, in base alle registrazioni alberghiere. "Intendiamo fare un piccolo gesto personale di riguardo", ha detto il ministro Angelkova, sottolineando che "la migliore pubblicità è il passa parola". Le entrate dal settore turistico rappresentano circa il 13% del prodotto interno lordo bulgaro e la competitività della destinazione è costituita dai prezzi, fra i più economici d'Europa.

Sono principalmente tedeschi, russi e britannici i turisti che finora l'hanno preferita.

 



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it