Allarme degli scienziati, l'umanita' verso l'estinzione "uomo scomparira' come i dinosauri"

(AGI) - Roma - La Terra e' entrata in nuovo stadio diestinzione e l'uomo potrebbe scomparire, proprio come accade aidinosauri 65   

Allarme degli scienziati, l'umanita' verso l'estinzione "uomo scomparira' come i dinosauri"

(AGI) - Roma, 20 giu. - La Terra e' entrata in nuovo stadio diestinzione e l'uomo potrebbe scomparire, proprio come accade aidinosauri 65 milioni di anni fa. Sono le conclusioni choc ditre studi americani condotti dalle universita' di Standford,Princeton e Berkeley. Secondo gli scienziati, riferisce la Bbc,il Pianeta ha varcato la soglia del "sesto grande evento diestinzione di massa".

Il quinto era avvenuto, appunto, 65milioni di anni fa, quando i dinosauri furono spazzati via. "Se non faremo nulla per fermare questo processo, per lavita ci vorranno milioni di anni per riprendersi e la nostraspecie sara' tra le prime a scomparire", ha avvertito uno deiresponsabili della ricerca, Gerardo Ceballos. Lo studio, pubblicato sulla rivista Science Advances, haanalizzato il tasso di scomparsa dei vertebrati - specie a cuiappartiene anche l'uomo - attraverso i resti fossili di quelligia' persi; il risultato e' stato sconvolgente: il ritmo diestinzione e' infatti 114 volte piu' veloce del normale. Dal1900, piu' di 400 specie sono gia' sparite, un numero che gliesperti si sarebbero aspettati in 10mila anni.

"Ci sono specie nel mondo che sono ormai dei morti checamminano", ha commentato Paul Ehrlich, dell'universita' diStanford. "Stiamo segando il ramo su cui siamo seduti", haaggiunto. Tra le cause di questo processo, vi sono infatti i 'solitinoti': riscaldamento globale, inquinamento e deforestazione. Ela distruzione dell'ecosistema, afferma lo studio, rischia dicreare danni a catena. Secondo gli scienziati, ad esempio, inappena tre generazioni umane potrebbero perdersi i benefici perl'agricoltura e ambiente derivanti dall'impollinazione delleapi. (AGI)



Se avete correzioni, suggerimenti o commenti scrivete a dir@agi.it